mercoledì 12 luglio 2017

AL SEPOLCRO!

AL  SEPOLCRO!



Questo l'ho iniziato a scrivere molto tempo fa ma non l'ho più terminato, vedo di terminare.

Mi sembra di aver scritto qualcosa, ma non trovo, va beh lo stesso, ho da scrivere qualcosa in più.

C.E.I74-Bibbia di Gerusalemme:

Giovanni 20

1 Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand'era ancora buio, e vide che la pietra era stata ribaltata dal sepolcro. 2 Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!». 3 Uscì allora Simon Pietro insieme all'altro discepolo, e si recarono al sepolcro. 4 Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. 5 Chinatosi, vide le bende per terra, ma non entrò. 6 Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra, 7 e il sudario, che gli era stato posto sul capo, non per terra con le bende, ma piegato in un luogo a parte. 8 Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. 9 Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura, che egli cioè doveva risuscitare dai morti. 10 I discepoli intanto se ne tornarono di nuovo a casa.

11 Maria invece stava all'esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro 12 e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. 13 Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto». 14 Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. 15 Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». 16 Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro! 17 Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». 18 Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto.

19 La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20 Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21 Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22 Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23 a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
24 Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 25 Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò».

26 Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 27 Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». 28 Rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». 29 Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!».
30 Molti altri segni fece Gesù in presenza dei suoi discepoli, ma non sono stati scritti in questo libro. 31 Questi sono stati scritti, perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.



Giovanni: 20, 1-31; 21,1-23

Dice Giovanni, appena la donne giunsero al sepolcro videro che era vuoto, allora corsero a chiamare i discepoli Pietro e Giovanni. 
I quali accorsi al sepolcro lo trovarono anch'essi vuoto, e riposti i teli della sepoltura, compresero le parole profetiche di Gesù. 

Ma fu Maria Maddalena a rimase presso il sepolcro, fu in questo frangente che vide i due giovinetti (angeli) vestiti di bianco, essi rassicurano la Maddalena, ma si accorge che un altro giovane che era lì vicino, era Gesù, questo fa capire che Gesù aveva altre sembianze diverse da quelle terrene è più giovane di quando è morto, e Gesù dice: “donna perché piangi?   Chi cerchi? “ ella rispose, ma non sapendo chi fosse: “Signore, se l’hai portato via tu, dimmi  dove lo hai posto e io lo prenderò”.  Ma Gesù rispose:  ”Maria!”  allora la Maddalena lo riconobbe: ”Rabbuni!” Maestro.

Gesù : “Non trattenermi perché non sono ancora salito al Padre . Ma va’ dai miei fratelli e dì loro: -salgo al Padre  mio e Padre vostro , Dio mio e Dio vostro”.
Quindi la prima a vedere Gesù risorto è la Maddalena, non gli apostoli.  E questo è un dato interessante. Inoltre l’aspetto di Gesù non è il suo aspetto terreno, ma quello trasfigurato, che aveva preso quando i tre discepoli lo videro, nella sua trasfigurazione sul monte.  Da ciò comprendiamo che le immagini a noi arrivate di Gesù sono del Gesù terreno, non del Gesù risorto! Gesù che ha lo stesso aspetto fisico del Padre Suo che è nei cieli. Poi alla sera della domenica appare in mezzo ai discepoli e li saluta dicendo : “Pace a voi!” mostra loro le mani i piedi e il fianco a testimonianza, del suo martirio. Affinché essi credettero con sicurezza che Egli era risorto. Aggiunge :” Pace a voi. Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi!”  e detto ciò alitò su di loro,  e aggiunse: “ Ricevete lo Spirito Santo,  a chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi non li  riterrete, saranno ritenuti.”

 "Pace a voi. Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi!”   
Questa frase ci racconta qualcosa di molto importante. 
dice Come il Padre ha mandato Cristo, ed egli mando gli aspotoli, cosa ci fa capire cosa cela la frase, vediamo di farvi capire, andiamo all'apocalisse al brano che parla del collegio dei santi, più precisamente quando Giovanni descrive la composizione della corte celeste e dice che attorno a Dio ci sono 24 vegliardi, notate il numero, che sono antichi Re, sempre alla presenza della Gloria di Dio. Ora Notate una cosa curiosa, Gesù come figlio di Dio, cioè del Padre Onnipotente ha scelto per se stesso un collegio di 12 apostoli, che non sono re, ma li ha resi come re, perchè lì ha fatti fondamento simile al suo, che è il Figlio unigenito del Padre cioè del Re dei Re del Signore dei Signori. Il Padre ha 24 Re, il figlio ne ha 12 esattamente la metà, non è un caso che sia così, è stato voluto proprio con questa logica e dimostra anche un altro aspetto, la differenza tra Padre e Figlio, il Padre ha la sua corte di 24 vegliardi o consiglieri e il figlio ne ha 12 sotto di se, dimostra tecnicamente il potere dell'uno e dell'altro come dire il Padre è il doppio del Figlio, e Gesù infatti dice sempre che il Padre è più di Lui. 

Quindi  tornando alla Frase il Padre celeste invia il Figlio affinché esso si trovi 12 fondamenti  che saranno in realtà i 12 fondamenti della nuova Gerusalemme, c'è una connessione netta e precisa dei 12 apostoli con i 12 fondamenti, che non sono solo il ricordo dell'antica Gerusalemme terrena e non rappresentano solo le 12 tribù, ma anche i 12 apostoli. 


Notare il verbo alitare usato principalmente da Dio Padre mentre alita la vita in Adamo , così fa lo stesso suo Figlio Gesù che ha lo stesso potere di donare la vita mendiate lo stesso Spirito del Padre, in ciò Gesù si rivela per chi è realmente, egli è al tempo stesso il figlio, ma al tempo stesso è il Padre, perché fin dalla Genesi solo il Padre Onnipotente alitò nell'uomo il suo spirito, per donare all'uomo l’anima, ora Gesù figlio di Dio, e Dio con Dio, fa la stessa cosa, ma in questo caso dona agli apostoli lo Spirito Santo. E da il suo ordine a tutti gli apostoli, di rimettere i peccati. Sono loro che decideranno se rimettere o non rimettere i peccati.

È interessante il discorso che si ripete a porte chiuse, Gesù si mostra ai suoi discepoli e anche con Tommaso avviene la stessa cosa, come se il chiudere le porte fosse un segno di nascondere agli occhi dell'uomo, la divinità di Dio, affinché solo chi crede vedrà.

Gesù risponde a Tommaso:” perché hai visto, hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto” in ciò Gesù ci fa capire, che molta più grazia è in chi non ha mai visto il Signore, e su costoro se crederanno in Dio senza aver necessità di vedere, otterranno maggiore grazia presso Dio.
Molti altri segni Gesù da risorto ha compiuto in mezzo al suo popolo, per quanto molti di essi non stati trascritti, ma solo i più significativi.  L’apparizione sul lago di Tiberiade, evidenzia come Gesù avesse un aspetto non riconoscibile, ma solo coloro che avevano lo Spirito Santo in loro lo potevano riconoscere.Questo racconto ci spiega come un essere umano che abbia anche ricevuto lo Spirito Santo, può in un istante non essere preso da esso, e questo fatto, ci fa ben capire proprio questo particolare; alcuni apostoli usciti in barca a pescare vedono sulla riva del lago un uomo, ma loro non lo riconoscono, perché in quel momento Egli (Gesù) non si presentò nella sua forma conosciuta dagli apostoli, pur avendo ricevuto tempo prima lo Spirito Santo proprio da Gesù, essi sono distratti e non usano quello Spirito donato da Gesù, per vedere Gesù stesso.  Gesù parla ai discepoli come un estraneo: “Figlioli, non avete un po’ di companatico?”, “No” gli risposero  i discepoli. Ma Egli disse loro, “Gettate la rete a destra della barca, e ne troverete”, i discepoli non erano in grado di trarre sulla barca, la rete per il gran peso. Allora Giovanni, il discepolo che Gesù amava dice a Pietro: “ E’ il Signore!”  a questo punto Simon Pietro, si cinse la veste e si tuffò in mare.

Curiosa la parte che Simon Pietro è sulla barca seminudo, come se fosse un vezzo, una libertà che avevano tra di loro. Ma curioso anche il fatto che innanzi al Signore esso si rimette in ordine, come se la sua vita fosse stata divisa in due parti, fintanto che vi era Gesù esso aveva un comportamento, quando Gesù non vi è più, il suo atteggiamento è più libero e si sente forte della sua posizione a far quel che vuole; ecco il perchè il Signore non si fa riconoscere, vuole vedere come i suoi discepoli vivono le sue parole, se veramente hanno intenso il suo messaggio. E il fatto che Pietro si rivesta, fa capire che esso aveva in parte trascurato il messaggio di Gesù. Si comprende, perchè Gesù poi insiste con quelle domande ripetitive.

Tutti vedono quest’uomo in riva al lago, ma nessuno di essi lo riconosce, se non quando egli mediante alcune poche parole e un miracolo gli dimostra chi Egli è!  E il primo a riconoscerlo è Giovanni.  Notiamo un  particolare, Gesù dice agli apostoli di gettare la rete e specifica a destra della barca, perché mai ha fatto questa specifica? Da un certo di punto di vista i pesci stanno ovunque attorno alla barca, che significato ha a destra della barca? Semplice, Gesù il Cristo di Dio, sta alla destra del Padre suo, rappresentato dalla barca. E dice ai discepoli pescate a destra della Barca, non a sinistra. Anche questo ha un senso ben preciso. Gesù predilige la destra e non la sinistra, anche in altri passi dei vangeli esprime questo concetto.

Ma Pietro si rattristo. E gli rispose:” Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo”

Gesù rispose:” pasci le mie pecorelle. In verità, in verità ti dico: Quando eri giovane ti cingevi  da te e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vuoi” .
Ora , disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. Poi disse" seguimi."
Pietro vide che lo seguiva il discepolo che Gesù amava(Giovanni), quello che durante la cena si era posato sul suo petto di lui e gli aveva chiesto: “ Signore, chi è chi ti tradisce?” .

Pietro dice a Gesù” Signore e di costui che sarà?”  Gesù rispose: “ Se voglio che rimanga finché io venga, che te ne importa?, tu seguimi!”.

Questo passaggio della vita di Gesù e dei suoi discepoli è molto significativo…
Prima di tutto la ripetizione per tre volte della domanda di Gesù: “Simone di Giovanni, mi ami tu?” ha una sapore un po’ strano questa insistenza da parte di Gesù, come quando Gesù predisse a Pietro il suo rinnegamento, che al cantar del gallo egli lo tradì per tre volte, pare in qualche modo, che Gesù voglia vedere se l’apostolo ha compreso la lezione, o se l’apostolo è ancora impulsivo, distratto e fa le cose senza riflettere attentamente. In effetti da come risponde Pietro pare che non abbia ancora capito esattamente le domande di Gesù. Perché anche durante la premonizione di Gesù che gli predice il suo rinnegamento, Pietro risponde impulsivamente senza riflettere, quasi volendo a tutti i costi far piacere al Signore. Dicendo che lui non avrebbe fatto ciò. Cosa che poi avvenne il contrario. Anche in questo caso per tre volte Gesù ripete insistentemente la medesima frase, quasi a sottolineare qualcosa, poi però l’attenzione si sposta su Giovanni, e Pietro infastidito dalla presenza di quel discepolo, quasi stizzito, con una punta di invidia, chiede cosa ne sarà di quel discepolo, e Gesù ribatte: “Se voglio, che rimanga finché io venga, che te ne importa?” ….. è il che te ne importa di Gesù, fa capire come in realtà Pietro ha posto la sua domanda verso Giovanni, con quale sentimento egli si era posto verso quel discepolo? non certo un sentimento d’amore, ma di conflitto. E fa capire, che tra i discepoli non c’è proprio tanto buon sangue, ci sono degli attriti, probabilmente delle dispute tra chi si riteneva il più vicino a Gesù o chi era il primo, ma tutti sapevano benissimo che il più vicino non era Pietro ma bensì Giovanni. L’insistenza di Gesù verso Pietro, non indica tanto che Pietro sia il suo vicario, quanto indica che Gesù voleva far capire a Pietro, che alle volte le sue risposte non erano sincere o coerenti, ed ogni volta Gesù risponde a Pietro “Pasci le mie pecorelle o agnelli e tu seguimi”, non gli dice che egli è il primo, gli dice, solo di essere un buon pastore e di seguirlo sempre, ma di non occuparsi degli altri discepoli, che ci avrebbe pensato Lui stesso. In questo, fa capire che gli altri apostoli non sono sottomessi all'autorità di Pietro, ma bensì di Gesù stesso. “Se voglio che rimanga finché io venga, che te ne importa?” questo fa capire che ogni, apostolo eletto da Gesù, sarà sotto l’autorità di Gesù e non di Pietro.

Poi anche quando gli dice, “In verità, in verità ti dico: Quando eri giovane ti cingevi  da te e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vuoi” .

Secondo me questo non parla della morte Pietro, ma bensì del fatto che da vecchio sarebbe stato condotto da altri nelle sue parole e dove egli non voleva andare, e che la sua parola poteva essere modificata perché egli non più in grado di essere totalmente presente o lucido, infatti un anziano, viene condotto per mano ogni giorno da chi è giovane e le sue parole vengono vagliate, interpretate e alle volte modificate, pensando che siano errate. Oltre la fatto che il termine cingere indica anche vestire in senso di aiuto. 

Questa frase ha un senso doppio, indica infatti che un apostolo deve rimanere tale fin alla fine dei suoi giorni, e che ci saranno altri ad occuparsi di lui, finché il Signore non lo prenda con sé.

Questo fa capire, che non è prevista abdicazione o mettersi da parte. 


Parentisi:[
Dopo tutto in Apocalisse Gesù è chiaro, vi sarà un nuovo vangelo eterno e con ciò si comprende bene che il vangelo lasciato da Gesù agli apostoli, verrà modificato e le parole stesse di Gesù verso Pietro sono molto significative, altrimenti non ci sarebbe stato bisogno che un angelo di Dio per volontà di Dio, dicesse a Giovani che un giorno un messaggero=angelo mandato dal cielo porterà il vangelo definitivo=eterno. Il fatto del vangelo eterno ci fa capire una cosa che deve venire prima del ritorno di Cristo e questo significa prima e durante il periodo dell'anticristo, ma chi è l'angelo che viene dal cielo a portare questo vangelo eterno? Ho appena detto che quest'angelo altro non è che un messaggero che non è detto che sia un angelo vero, ma potrebbe pure essere un messaggero umano, anzi sicuramente è così, ma aggiunge una parola lo chiama l'angelo che viene dal cielo, quindi fa capire che è un uomo che è stato insignito di questo compito direttamente da Dio, quindi è un soggetto che ha in se tutto l'autorità di Di per una certa missione e che ha l'arduo compito di trasmettere il vero vangelo quello che esprime esattamente i concetti di Cristo, lo chiama infatti il vangelo eterno, cioè quello definitivo ] chiusa parentesi.


La parte dello scetticismo di Tommaso la conosciamo tutti. 



domenica 9 luglio 2017

Lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù?



PAOLO ASSERISCE CHE CRISTO NON E' DIO!



Cosa si nota in questi due testi:

VANGELO (Mt 11, 25-30
Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi 
+ Dal Vangelo secondo Matteo 
In quel tempo, Gesù disse: "Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare. Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero".
Parola del Signore.



Seconda Lettura (Rm 8, 9. 11-13)

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
Fratelli, voi non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi. Così dunque fratelli, noi siamo debitori, ma non verso la carne per vivere secondo la carne; poiché se vivete secondo la carne, voi morirete; se invece con l'aiuto dello Spirito voi fate morire le opere del corpo, vivrete.

Parola del Signore




°°°°°°°°°°°°°°°°


Intanto prima di tutto si noti il linguaggio nel testo di Matteo egli riporta le parole di Cristo e suoi insegnamenti, si noti anche il parlare nel testo di Paolo, quali sono le differenze tra i due?

Il modo in cui Cristo si rivolge alla gente e il suo modo di esporre la parola, viene da Lui, non parla per conto di un altro, anche se nel testo dice che porta e fa la volontà del Padre, ma il suo discorrere in tutti i testi dei vangeli è un suo pensiero diretto.


Osserviamo il testo di Paolo.


"Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene." questa frase cosa ci mostra, aldilà dell'insegnamento. 
Se fosse stato lo Spirito Santo a parlare in prima persona esso non si sarebbe espresso in questo modo, iniziando con una parola dubitativa, avrebbe espresso il suo pensiero senza alcun dubbio, senza l'uso del "Se", come ho già detto in altro articolo, Paolo come anche altri successivamente esprimo il pensiero sempre usando le forme dubitative, per una ragione ben precisa, essi non sono Dio e non parlano per sua voce, come è il racconto e le parole riportate dal testo degli evangelisti, come qui vediamo con Matteo.


Paolo afferma il concetto perchè è un suo pensiero, perchè è quello che lui vuole determinare, ma non perchè è stato lo Spirito santo a dirglielo, ma perchè lo ha capito lui, che così funziona, infatti l'uso delle forme dubitative, è proprio indice di non presenza dello Spirito Santo, specialmente inizio frase, e anche un uso eccessivo delle stesse, nel racconto dimostrano solo, che il soggetto sta riflettendo con la sua mente se è giusto quel che va pensando e lo pone appunto in forma dubitativa, perchè non possiede la certezza che quanto afferma sia realmente pensiero di Dio, diciamo che convince ste stesso e gli altri che quello che afferma è vero, è in pratica una discussione tra se è se, sono i suoi pensieri, i suoi ma e se.

Ora vi dimostro che Paolo pensava che Gesù fosse solo un uomo, e lo dice chiaramente in questo passo.
"Fratelli, voi non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. " Nulla da dire.



"Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. 


E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi."


In questa frase, Paolo che ricordo, stando ai vangeli, non ha conosciuto Cristo, quindi non sapeva assolutamente nulla di chi fosse realmente, se non perchè avesse raccolto informazioni e notizie dagli stessi apostoli e discepoli.

Ora leggiamo bene la frase:

"E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi. "

"Lo spirito di colui" è un riferimento a Dio Padre.

Ci dice che Gesù è stato resuscitato dallo Spirito del Padre, ma questo cosa comporta, che se fosse vero ciò, Gesù sarebbe stato resuscitato come un qualsiasi altro essere umano, ricordo che il termine risorgere significa tornare in vita, non significa andare a Dio, ma solo rivivere, come capita a chi va in coma o a chi muore e torna in vita, più o meno è la stessa cosa, questi eventi se pur rari, accadono oggi giorno anche a noi, ma allora dove starebbe la differenza? 

Qui Paolo secondo il suo ragionare, cioè quello del suo intelletto e non parole dello Spirito Santo sta dicendo che Gesù non è Dio, perchè ha avuto bisogno del potere del Padre per risorgere; quello che mi stupisco, come possano avergli dato ragione gli apostoli che sapevano bene che Gesù era risorto da se, senza bisogno di Dio, proprio perchè come figlio di Dio, è in grado di risorgere da se, altrimenti non sarebbe stato un Dio, il risorgere è uno degli atti tipici di un Dio, non è neppure tanto difficile per un Dio che è il Dio della vita e che da e toglie la vita. In sostanza Paolo voleva insinuare, non negli apostoli ma in chi lo seguiva che Cristo aveva avuto bisogno dello Spirito del Padre per risorgere, in pratica abbassa Cristo dalla sua deità all'essere umano. Per Paolo Cristo è un essere umano che viene riportato in vita da Dio, quindi per ovvia logica Cristo non è Dio, da quanto Paolo asserisce, in questa frase. 

"Così dunque fratelli, noi siamo debitori, ma non verso la carne per vivere secondo la carne; poiché se vivete secondo la carne, voi morirete; se invece con l'aiuto dello Spirito voi fate morire le opere del corpo, vivrete."

Personalmente leggo in queste parole di Paolo uno spirito ebraico, non cristiano, uno spirito dove si punta verso lo Spirito del Padre e non verso Cristo. 

Perchè non ha detto, se invece con l'aiuto di Cristo voi fate morire le opere del corpo e vivrete? Sarebbe stato decisamente più corretto in ambito cristiano che non parlare di Spirito svincolato da Cristo, infatti dovremo ricordare che Cristo dice che si arriva al Padre solo mediante Lui, qui invece Paolo dice diverso, parola dello Spirito ma non di Cristo ma del Padre, in pratica sta dicendo che bisogna pregare lo Spirito del Padre che ha risorto Cristo per ottenere quello che lui asserisce. 

Questo modo di parlare di Paolo non è da Cristiano, ma da un oppositore a Cristo, la frase è perfettamente identificativa del suo vero pensiero... Cristo è risorto per mezzo dello Spirito del Padre, non per mezzo proprio: "E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti...."

Il fatto che Paolo ponga il Se ad inizio frase, fa capire molto bene che egli non è certo di quanto afferma, ma lo dice, perchè sa che comunque sia la natura umana ha la tendenza di dar ragione a chi fa un buon ragionamento, e non impone un parlare predeterminato, cioè imposto. Per cui Egli ragiona ed espone il suo ragionamento fatto dalla sua mente, non parola dello Spirito Santo come vorrebbe far pensare, perchè se fosse stato realmente  lo Spirito santo non solo non avrebbe detto un se, ma avrebbe detto che Gesù era figlio di Dio e per questa ragione risorto senza l'ausilio di Dio stesso. 

"Parola del Signore" questa non è parola del Signore, ma parola di Paolo. 



Il sacerdote ha invece fatto notare che la cosa più importante fosse il fatto che chi è di Cristo non parla per la carne ma per bocca dello Spirito, facendo credere che il contenuto di questo testo di Paolo fosse giusto, cosa che giusto non è !!! 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
La differenza tra i due testi sta nel fatto che Gesù parla da Dio, anche se fa la volontà del Padre celeste, ma parla per conoscenza e per volontà propria, Paolo invece suppone, parlando, si per volontà propria ma non per parola di Dio.

Le supposizioni di Paolo sono puramente opera della mente di Paolo, non dello Spirito Santo, che non avrebbe mai permesso che qualcuno facesse intendere che Gesù figlio di Dio fosse stato risorto mediante Dio, come si risorge un qualsiasi essere umano. 

Se in Paolo ci fosse stato veramente lo Spirito del Signore avrebbe conosciuta la Verità, 

Gesù non afferma per nulla "io sono il padre e il padre è in me", solo chi non comprende le sue misteriose parole, non capisce cosa egli affermò.