lunedì 13 marzo 2017

IL FUMO DI SATANA E' ENTRATO PER LA PORTA PRINCIPALE


Matteo 16,18-19

18 "E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. ".

Di questo pezzo ho già trattato tempo addietro, ma ripercorro rapidamente il concetto, per poi introdurre un altro discorso.

Yeshua il Cristo di Dio dice a Simone detto Pietro, su questa pietra=corpo, cioè se stesso che è roccia e quindi pietra, edificherò la mia chiesa. e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.

qui la parte importante aldilà della collocazione fisica della chiesa che si regge su Cristo, come fondamento assoluto è che Gesù usa due parole curiose in questo discorso, porte e contro. Perchè dico curiose, perchè la frase in se ha un senso particolare,  "le porte degli inferi non prevarranno contro di essa"

Intanto prima di tutto qui ci sono due negazioni, "non prevarranno" e "contro di essa", perchè porre due negazioni,  non prevarranno già indica la prima negazione, cioè che le porte degli inferi non avranno un accesso verso la Sua Chiesa, ma la seconda negazione potrebbe farne un affermazione positiva, invece il termine contro di essa, ha una connotazione di ulteriore senso di negazione, cioè come dire in modo assoluto, perentorio, esse non agiranno contro la mia Chiesa, cioè nulla potrà intaccare la chiesa da Me fondata.

Poi dice le porte, non parla degli inferi, cioè non parla realmente del regno di satana, ma solo delle porte, quindi dell'ingresso al regno di satana, definito da Gesù come inferi, anche se gli inferi hanno una collocazione un po diversa dall'inferno propriamente detto, comunque questa è un altra cosa, dice che le porte non prevarranno contro di essa(Chiesa). Il fatto che usi il termine contro, non indica quello che pensiamo noi, intende dire che le porte al regno dei morti, non troveranno accesso alla sua Chiesa, cioè esse non potranno mai sovrapporsi alle porte della chiesa sua. 

Se la chiesa è fondata su Cristo, significa ovviamente che contro Cristo le porte degli inferi non potranno mai aver ragione, questo è più che scontato, ma fa capire anche un altra cosa, Gesù non parlava affatto della Chiesa terrena, ma parlava di se stesso, anche se il riferimento a Pietro e ai successori, è in riferimento alla chiesa"terrena" ma in riferimento a Chiesa intesa come corpo di Cristo, non chiesa come istituzione composta da sacerdoti, no, no, quindi il riferimento è diretto non alla chiesa composta da mura e palazzi, o chiese terrene, ma a se stesso, come dire "su di me il maligno non potrà mai aver la meglio" questo è il vero senso della frase. 

Questo ci fa capire anche che la frase detta da Paolo VI il 29 giugno 1972""Attraverso qualche fessura, il fumo di Satana è entrato nel tempio santo di Dio", indicava che la Chiesa degli uomini, cioè quella che tutti noi conoscono come stato del Vaticano, invece è suscettibile di attacchi da parte dei partigiani di satana, quindi le porte degli inferi potranno anche aver la meglio su di essa, ma non su quella chiesa che fonda le sue membra sul corpo di Cristo il Figlio di Dio, perchè Esso è inattaccabile.  Però questa espressione è anche contraddittoria rispetto all'affermazione di Gesù Dio e Signore Nostro, perchè affermare che "il fumo di satana è entrato nel tempio santo di Dio" indica che questa affermazione contraddice le parole di Cristo stesso: "le porte degli inferi non prevarranno contro di essa"
per cui, si comprende bene che l'espressione di Gesù non si riferisce alla Chiesa nel senso architettonico del termine, ma alla chiesa spirituale che è il Suo Santo e Sacro Corpo, che nulla ha a che vedere con quella fisica, fatta di pietre, palazzi, ornamenti, lusso e vizi che invece è soggetta all'attacco delle porte degli inferi, e satana è riuscito ad entrare non dalla fessure ma dalle porte fisiche in essa. E' passato mediante i suoi giacobini, falsi preti, che hanno per molti secoli finto di essere servitori di Cristo, corrompendo gradatamente le menti di molti, dentro e fuori la Chiesa, instaurando nella chiesa di Cristo, una chiesa parallela, che marcia a fianco della Chiesa di Cristo, quindi l'agnello e il lupo camminano a assieme e seggono sullo stesso trono.

Questo fa capire, che esistono tangibilmente due chiese, quella spirituale a Cristo devota e quella di satana che proferisce parole d'orgoglio, che per la sua astuzia, forza e aggressività sottrae molte pecore all'ovile di Cristo. Ecco che abbiamo la guerra del clero, la guerra tra prete, la guerra tra apostoli, la guerra tra veggenti, la guerra tra le famiglie, la guerra tra popoli, la guerra tra i singoli, tutto perchè le porte degli inferi sono già passate oltre, perchè coloro che appartenevano alla primitiva chiesa hanno iniziato a divenire deboli, e la debolezza porta con se, tanti orrori travestiti da cose buone e ispirate al mondo della scienza.

Quando nella chiesa si presentarono i vizi, fu quello il tempo della prima corruzione, che poi portò avanti nei secoli la sua distruzione e il fumo penetrò in essa ben prima che Paolo VI se ne rendesse conto e esternasse il suo pensiero che ha creato polemiche proprio tra coloro che in qualche modo si sentirono colpiti. Il fumo di satana è la cortina di menzogne che esso inventa per distrarre e alterare la percezione reale della realtà e della dimensione divina, acceca l'uomo affinché esso non veda più la Santa Verità.




sabato 11 marzo 2017

GESÙ RIVELO’ LA SUA VERA NATURA.

Gesù Figlio di Dio!





(Giovanni 8:42-47).
Gesù rispose così: “Se Dio fosse vostro Padre, amereste me, perché io son proceduto e vengo da Dio, perché io non son venuto da me, ma è Lui che mi ha mandato.
Perché non comprendete il mio parlare?
Perché non potete dare ascolto alla mia parola.
Voi siete progenie del diavolo, ch’è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità, perché non c’è verità in lui. Quando parla il falso, parla del suo, perché è bugiardo e padre della menzogna. E a me, perché dico la verità, voi non credete. Chi di voi mi convince di peccato? Se vi dico la verità, perché non mi credete? Chi è da Dio ascolta le parole di Dio. Per questo voi non le ascoltate; perché non siete da Dio”


Gesù sostiene che Egli è Dio stesso e ha la sua stessa natura.


proceduto” (essere) significa andare avanti, è un verbo di movimento che indica percorre una certa strada, quindi che viene da un certo posto e va in una certa direzione, in sostanza indica anche provenire da e va a, ma nella connotazione non di direzione ma di carnalità e spiritualità, come dire dal Padre va al Figlio, quindi dice:

io son proceduto” in sostanza dice io provengo da Dio, ma questo termine proceduto, cioè precedere, cioè venire da Dio e andare a, indica non solo il movimento da a , ma anche Gesù vuole far capire che in realtà questa parola ha un altro senso, e indica procreato o creato da Dio, cioè è Figlio di Dio. Si comprende che indica questo dal fatto che ha posto il verbo venire “ vengo” subito dopo, a proceduto che sarebbe a tutti gli effetti ripeter lo stesso senso, questo significa che proceduto non s’intende provenire da, ma essere creato da o procreato da, come dire sono della stessa Sua natura, provengo da Lui e sono di Lui, questo è il senso.

quindi diventa così:

perché io sono procreato o creato e vengo da Dio”, come dire io sono il figlio carnale di Dio e sono Dio. Perché il vengo? intende proprio la provenienza, vengo dalla sua stessa natura, quindi sono lo stesso soggetto.


perché io non son venuto da me, ma è Lui che mi ha mandato.” Io non sono venuto per mia volontà ma è Dio che mi ha mandato. Come dire non è stata una mia idea, ma io ho fatto quanto il Padre mi ha chiesto di fare. Anche in questo sottolinea che Gesù è proprio il Figlio unigenito di Dio, cioè carnalmente e Spiritualmente suo Figlio.


Perché non comprendete il mio parlare?”
Il fatto che Gesù gli pone la domanda perché non comprendono il suo parlare, sta a significare che avevano cambiato il senso di alcune parole per cui non potevano comprendere cosa egli aveva detto, questo dimostra anche il fatto che costoro non erano illuminati da Dio, non avevano in se lo Spirito Santo, per cui non sapendo rispondere con lo Spirito Santo, essi non era di Cristo. Perché coloro che sono di Cristo sanno rispondere con le giuste parole mandate dallo Spirito consolatore che è Santo.

Quindi ovviamente Gesù risponde che costoro non credono, perché chi avesse in se lo Spirito santo sa rispondere immediatamente, senza far uso della sacra scrittura e senza appellarsi ad essa.

Perché non potete dare ascolto alla mia parola. “
Essi non possono e non vogliono ascoltare la parola di Cristo.
Non possono perché ovviamente le parole di Gesù sono le vere parole di Dio e costoro lo sapevano bene, per cui non volevano dar a Gesù soddisfazione.

La risposta ovviamente di Gesù, non si fa attendere, perché chi non è di Dio non sa rispondere.

Voi siete progenie del diavolo, ch’è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro.”

Perché dice progenie del diavolo?
La progenie sono i figli del diavolo, ma intende veramente figli carnali, ho il suo senso è diverso, ovviamente è diverso, intende dire che costoro che si oppongo a Colui che il Padre Eterno invia come Suo sostituto, perché Gesù fa le veci del Padre Celeste, essi sono contro di Lui(Cristo), quindi divengono progenie di satana, cioè figli suoi, ma in senso spirituale. Infatti il fatto di porre a costoro la domanda perché non mi credete, indica che gli lascia un po di tempo a costoro di ricredersi, come dire che anche chi è nelle tenebre può tornare a Dio.

ch’è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro.”
Quindi tutti coloro che fanno la volontà del maligno sono del maligno, tutti coloro che applicano le leggi del maligno sono del maligno, e le leggi del maligno sono in totale opposizione a quelle di Dio. Quindi chi mente è nella menzogna appartiene al maligno, anche fosse per un istante solo.
Questo fa capire che l’essere umano può essere di Dio in certi momenti e può essere del maligno in altri, è difficile che un essere umano sia totalmente di Dio, perché sarebbe un santo.
Quindi chi pratica la menzogna costantemente è del maligno e chi non riconosce Cristo come vero Dio è del maligno, e fa i suoi desideri, quindi si sottomette alla sua volontà a quella di satana e ovviamente e giustamente costoro sono figli suoi, e quindi Gesù riconosce che anche il maligno può essere un “padre” intenso come il fautore della menzogna e del male in senso generale e totale del termine. Quindi tutti coloro che avversano Cristo e non lo riconoscono come vero Dio, sono figli del demonio, e hanno costui per padre, in questo dobbiamo annoverare quindi illuminati, massoni, satanisti, medium, cartomanti, fattucchieri, maghi, stregoni, chiaroveggenti, e non solo costoro ma anche tutte le religioni che si oppongono a Cristo sono figli di satana, oltre a tutti coloro che non applicano la verità alla lettera e spesso ce ne sono anche tra i cristiani, e anche tra molti preti della chiesa cattolica.


Egli è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità, perché non c’è verità in lui.”

Omicida fin da principio” Omicida si dice di chi ha ucciso qualcuno, però può essere anche inteso come colui che ha ucciso in se qualcosa, infatti con il termine omicida in senso lato, si intende uccidere qualcosa che sta in se, come la verità, se io nego la verità posso dire che io sono omicida, questo è il senso che da Gesù del termine omicida, cioè ha ucciso la Verità che era in lui, e che è Dio, per cui esso ha rinnegato Dio , cioè è lo ha ucciso Dio in se stesso, ecco cosa intende dire con Omicida fin da principio, ha rinnegato e rifiutato Dio che è Verità quindi è omicida di Dio.
Cioè ha ucciso Dio che era in se, fin dal principio, cioè dall’origine.

Quindi in chi non ha verità in se, non appartiene a Dio.


Quando parla il falso, parla del suo, perché è bugiardo e padre della menzogna.”

Il falso” si riferisce sempre a colui che non ha verità in se, il termine il falso è una connotazione precisa di colui che è falso, in prima persona, cioè Lucifero-Satana, cioè il re della menzogna, il menzognero per eccellenza.

Parla il falso, parla del suo, perché è bugiardo e padre della menzogna.”

Colui che proferisce falsità e menzogne può parlare solo di quelle di verità non può dire, le conosce ma non le può dire, perché esso è in opposizione alla verità, come il Veggente di Medjugorie che disse: “che i soldi anche Dio non è contrario” questo è figlio del demonio, perché questa frase non appartiene a Dio.




E a me, perché dico la verità, voi non credete”

Qui Gesù tenta ancora di dissuaderli e dice io perché affermo e vi porto la Verità, voi non volete credermi, questo è il senso.

Chi di voi mi convince di peccato?”

convince” nelle parole di Gesù prende il senso di accusa.

Chi di voi mi accusa di aver commesso peccato?

Se vi dico la verità, perché non mi credete?”

Ancora ribatte, sperando che qualcuno cambi idea.

Chi è da Dio ascolta le parole di Dio.”
Per questo voi non le ascoltate; perché non siete da Dio”

E ovviamente termina dicendo, che costoro non essendo di Dio, e non volendo vedere la verità di Dio, continuano nel loro errore, con pervicacia, per cui essi sono spiritualmente figli del diavolo.

Però si capisce che nel discorso Gesù tenta almeno tre volte nel far cambiare qualcuno idea prima che esso emetta sentenza, perché l’ultima espressione è una sentenza, una condanna che Gesù fa contro costoro.

Ma Gesù a chi stava parlando, quando ha fatto questo discorso, a tutti i giudei, ma no di certo, solo alla casta sacerdotale, che non voleva seguire la legge di Dio, ma con il pretesto che essi erano sacerdoti di Dio, essi applicavano la legge del diavolo, fatta passare come legge di Dio, ecco perché i sacerdoti o meglio i dire i preti del tempio non credo in Gesù, sapevano bene chi egli era realmente, perché tutto il discorso lo fa capire chiaramente, ma essi rifiutavano lo stesso Dio che essi dicevano di credere, quindi mentre il popolo ingenuo e anche alle volte connivente , credeva a loro, costoro praticano culti non a Dio e quindi seguivano in toto satana.


Questo ci fa capire che non è detto che questo sistema dei Giudei, non potesse ripetersi, no, anzi questo sistema si è ripetuto nella chiesa, perché avendo essa stessa le stesse basi di principio, in essa stessa poteva generarsi lo stesso sistema ed infatti così è avvenuto e tutt’ora è manifesto.