domenica 15 gennaio 2017

Interpretazioni errate per confondere tutti.


COME FAR PASSARE IL FALSO PER VERO!



Vi mostro com'è facile ingannare la gente con errate interpretazioni o con scritti non giusti.

L’altro giorno, dopo aver scritto alcune cose, mi è venuto in mente di farvi a tutti uno scherzetto, un po’ birbante, praticamente vi ho messo alla prova, perché  vedo sempre che una parte sostanziosa di voi, neppure obbietta a nulla di quanto scrivo prendendo tutto per vero.  

Ebbene ora osservate il pezzo incriminato, quello che intitolai “Gli Zombi” già il fatto di mettere un titolo del genere, avrebbe dovuto farvi rimanere perplessi, e per lo meno mi sarei aspettato da voi, qualche riflessione, invece nulla, io per altro ho tenuto un atteggiamento neutro nel senso che non volendo svelarmi, ho fatto credere che fosse possibile una cosa del genere, per accreditare una maggiore certezza, sempre con l’intendo di vedere se qualcuno avesse mosso obbiezioni.

Vi pongo solo qui le parti che hanno tratto in inganno tutti, per dimostrarvi quanto sia facile tratte le  persone in inganno.

28Giunto all’altra riva, nel paese dei Gadarèni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli andarono incontro;


Ovviamente non mettendo in relazione con gli altri evangelisti ed altre parti della scrittura se uno legge solo questo, può effettivamente essere tratto in inganno, e crede a cose strane, per cui è stato facile dimostrare quanto la gente sia facile ad essere ingannata.

Con un articolato discorso vi ho indotto a pensare che quello che avevo scritto fosse vero, che un demonio possa in qualche modo far muovere un cadavere e parlare pure. Nessuno di voi si posto neppure una domanda di perplessità, per cui avete accettato il discorso.

Ma per aumentare la credibilità di questo discorso, ho aggiunto che solo un demonio poteva riconosce Gesù quale Figlio di Dio ed è vero, questo assolutamente vero, ma avendolo aggiunto diciamo che da certo punto di vista avvallavo il discorso come se fosse vero, per cui pareva possibile.

“«Che vuoi da noi, Figlio di Dio?
Sei venuto qui a tormentarci prima del tempo?».”


Tutto il resto del discorso era perfetto, esatto, ora questa piccola parte inserita in un discorso giusto e vero fa sembrare vero anche la parte errata e falsa.  Questo per farvi capire che molto spesso, noi esseri umani abbiamo la tendenza a credere a qualsiasi cosa ci viene proposta e fatta passare per vera, specie quando ad un discorso o un testo vero si aggiunge qualcosa che vero non è, come in questo caso.

Molte delle persone che m'hanno letto e mi seguono su Face book ma anche sui blog, non hanno minimamente capito dove v’era l’errore o l’inganno, e nessuno ha detto nulla prendendo per buono tutto il discorso, anzi su face book addirittura taluni hanno condiviso senza nemmeno leggere il contenuto, ecco il problema fondamentale che si prende tutto per buono. Per altro, come dico sempre che non si deve far così, prima si legge, si comprende, semmai si condivide, perché se per caso condividi qualcosa di non giusto poi ricevi le critiche e non è “carino” ne simpatico; le persone presto fanno a  pensare male, perché si sa com'è, l’animo umano subito pronto a accusare chiunque anche fosse un Santo, senza capire la questione. 

Il problema è proprio questo prendete tutto come oro colato, tutto come vero e sacro santo, quando di santo e di sacro c’è solo Dio. 

Date troppa fiducia alla persona, che secondo il vostro intendere o secondo rumori della rete, o secondo quanto questa si è mostra, cioè ha dimostrato di essere buona cristiana e per taluni pure santa, tutti senza condizioni di sorta credono senza neppure porsi un minimo interrogativo, solo perché quella persona ha dei precedenti di fiducia, credete sulla parola o sulle gesta.

E tutti quanti ovviamente a crede come ciechi. 

Questo genere di orrori lo fate con tutti, dal professore, al medico, al prete, al papa, al vescovo, ai veggenti ecc. basta che la persona riscuota una certa popolarità ed interesse che tutti pendete dalle labbra di costoro, ecco che tutti gli attribuiscono meriti di santità, inesistenti.

Un altro esempio più attuale e decisamente di ben altro spessore, ma molto più importante.

Pochi giorni fa Bergoglio ha fatto i primi battesimi di quest’anno, nel suo discorso ha inserito volutamente una cosa inesatta, dimenticando volutamente la verità, dice che il battesimo serve per avere la fede,  sappiamo molto bene essere falso, perché per avere la fede serve avere conoscenza di Dio, un neonato non può aver fede, perché non comprende cosa sia Dio, cioè non ha capacità di discerne tra il bene e il male. Mentre come sappiamo per tutti, il battesimo, è fatto unicamente per togliere il peccato originale. Quindi ha omesso di dire la verità, dicendo una cosa inesatta insegnando di conseguenza una cosa sbagliata. 

Un discorso è l'interpretazione che viene fatta da un pinco pallino e un discorso è che un pontefice voglia insegnare una cosa diversa e difforme dalla verità rivelata da Cristo, notevolmente differente, proprio perché il primo caso può errare e non è  nessuno, l’altro è il capo della Chiesa Cattolica, quindi il secondo ha un ascendente sulle gente notevolmente maggiore e una autorità ben diversa, per cui il suo danno è maggiore.  

Questo è un modo astuto per mescere il vero con il falso.


Quindi, voi date troppa fiducia alle persone che credete essere oneste, non che io sia cattivo o disonesto, anzi il contrario, ma ho voluto dimostrare quanti di voi non mi avrebbero mai corretto, se non avessi suggerito a qualcuno di leggersi l’articolo, tutti voi, non vi sareste minimamente preoccupati se era vera la questione o meno, prendendo tutto per oro colato, così come fate con tutti, con tanta disinvoltura, su qualsiasi argomento, non solo di fede. Spesso si pensa che se qualcuno ha un bel sito internet e questa persona si mostra come onesta e perfetta, il sito che andrà a fare sia altrettanto, ma chi ve lo ha detto che è così, spesso invece cosa accade che taluni siti anche autorevoli mostrino contenuti elaborati che non corrispondono esattamente alla verità delle cose, per cui si distribuisce una parola che sembra vera e giusta, ma alle volte è di proposito distorta, come certi siti internazionali, che sembrano dare informazioni vere, ma da essi escono  cose false. 

Nessuno di noi può sapere quanto ci sia di vero, dichiarato da chiunque in quello che pubblica in rete, nessuno lo sa, per cui se si vuole dare un informazione distorta, si mescola con la verità e il gioco è fatto, nel caso dell’informazione  inerente alle scoperte, alle invenzioni, ect, è molto difficile stabilire se è vero o no, mentre nel caso della sacre scritture è decisamente più semplice basta che la persona abbia la voglia, di controllare se corrisponde facendo un confronto con altre parti della scrittura. 

Un esempio di bufala, fake o inganno, se vi mostro con un falso documento ipotesi, che su Marte hanno scoperto una tavoletta sumera, è molto più difficile stabilire la veridicità anche se le tecnologie oggi, lo permettono almeno in parte,  ma cmq sia è un inganno.
Nessuno di noi saprà mai se quanto conosciamo della realtà che ci circonda quanto di essa è vero o meno, noi tutti stiamo alle parole di altri. Si presume che abbiamo detto la verità.

Idem sono i veggenti oggi giorno, ne abbiamo a tonnellate, la loro fortuna e il loro essere molto conosciuti li fa divenire intoccabili, per cui, qualsiasi cosa costoro diranno, la gente che si fida ciecamente, per un interesse o per altro, nemmeno si pone l’interrogativo, se quanto affermano viene da loro o viene da altri, oppure se è realmente un messaggio divino, per cui costoro giocano sulla credulità popolare, e spesso i loro messaggi sono pieni di errori di tipo teologico e spirituale, dimostrazione che il testo è falso, per non dire in alcuni anche eretico. Però dato che sono conosciuti, importanti, la gente non si pone neppure l’interrogativo se quanto affermano sia vero, accettano tutto per buono e vero. 

Poi ovviamente c’è anche il clero compiacente che gli da pure una mano, per interesse pecuniario.  

SE il veggente non rispecchia, quello che era ed è sempre stato anche in passato un soggetto lontano dal mondo civilizzato nel senso, che vive secondo i canoni sempre richiesti da Dio, non può essere veggente, specie quando fa l’imprenditore di se stesso,  al solo scopo di accaparrarsi il pubblico e i loro danari, perché lo scopo di questo darsi da fare in maniera affannosa è proprio questo, il vile denaro!!! 

Per cui producono montagne immense di messaggi, per altro copie su copie, come se Dio fosse sempre lì a moltiplicare i messaggi, in certe cose devo dire che Bergoglio ha ragione, quando dice “che la Madonna non è una postina” sono altre cose che afferma che non sono giuste, ma questo si.


Questi sono tutti esempi come si possa ingannare con facilità il popolo, specialmente coloro che non vogliono porsi domande, non voglio confrontare documenti, realtà ect, per cui la gente senza porsi nessuno problema, accetta tutto e crede a tutto, anche alla falsità, anzi per paradosso le cose false, spesso appaiono più fattibili delle cose vere.


Quindi vi ho ampiamente dimostrato che tutti, avete creduto alle mie parole perché erano mie, il vostro problema è proprio questo, accreditate alle persone meriti che non hanno, date una fiducia smisurata a chiunque, specie chi credete venga da Dio, può essere veramente uno di Dio, ma un conto è la parola di Dio e un conto è quella dell’uomo.

E credete che quanto chiunque scrive sia tutto vero, per cui fate un grave errore verso tutti, ma proprio tutti. La gente generalmente pensa che tal persona perché scrive bene, è un gran studioso, giornalista, teologo, veggente, professore, laureato, papa, dica la verità, senza porsi minimamente, l’interrogativo sarà vero? Ci stanno dicendo la verità?
O per caso è falso quanto leggo, sento?  Pochissimi fanno questo pensiero, solo chi ha una certa conoscenza e alle volte neppure questi.

Voi siete tutti propensi a credere che chiunque vi dica, e si mostri nell’apparenza “santo” bravo, buono, gentile, saggio, sapiente, colto, illuminato, laureato, dotto, pieno di titoli,  geniale, o se questa persona si è accreditata un ruolo importante nella società e ha acquisito presso  tutti una certa notorietà, specie per chi segue veggenti, apostoli, sacerdoti più o meno noti.  Tutti,  tranne pochi vedono gli errori, tutti quanti siete succubi  di coloro che scrivono qualsiasi cosa gli giri per la testa, accettate supinamente qualsiasi cosa vi propinano.

Questo cosa ci fa capire che quando verrà l’anticristo cari amici, voi tutti gli crederete e sapete perché, semplice perché non avete una mente che è predisposta a capire dove si cela l’inganno, molti non vogliono sapere e capire non vogliono scomodarsi per cui accettano tutto come oro colato, anche le eresie, le falsità e le menzogne.

Come accettate le eresie che escono dalla bocca di un pontefice, che invece di seguire la verità di Cristo la mescola sagacemente come disse l’Immacolata con la verità, per cui ho dimostrato che sarà facile ingannarvi, far di voi quello che vogliono, delle pecore, pronte per macello. È come la parabola del cieco che giuda altri ciechi, voi con questo atteggiamento dimostrate di essere ciechi, perché non vi volete soffermare e ragionare, non volete conoscere la verità, non avete pazienza di capire se e quanto vi viene proposto sia vero, e non parlo solo di cose sacre, come i vangeli. la bibbia. messaggi vari, ma anche della realtà quotidiana e della scienza. La stampa, i mass media, ci propinano una quantità immensa di dati fasulli e tutti voi, siete propensi a prendere tutto per vero, solo pochi comprendo la reale natura delle cose, solo pochi capiscono dove si cela  il falso, gli altri si accontentano, basta che quel che vi dicono non vi turbi più di tanto, che tutto va bene. 

Questa non è fede, e voler credere per non scomodarsi nel cercare di capire chi vi sta bidonando.

Per altro è da quando ho aperto i miei blog che continuo dire, che non dovete credere a nessuno, nemmeno al sottoscritto, ma non dico così tanto perché è un astuzia, no no io lo penso veramente, specie in materia di fede, perché come ho dimostrato molti sono propensi a credere a chiunque,  per cui si dimostra che la vera fede è solo in coloro che si pongo delle domande, cercando di capire dove sta la Verità. La prudenza, sarebbe una cosa saggia, invece noto sempre che ad ogni articolo che pubblico, tutti corrono subito senza neppure leggere il contenuto a condividerlo e dico sempre, ma perché condividete se non sapete neppure cosa vi è scritto se è giusto quel che è scritto?


Per cui la gente legge questi messaggi e non si pone minimamente l’interrogativo sono veri o falsi, cosa c’è dentro che non va, ecc, quindi cari amici, ve lo ripeto siamo in un periodo terribile della nostra storia è molto facile che fra un po’ di tempo succeda l’irreparabile, per cui non credete a nessuno: legatevi saldo al vangelo e attenevi a quello, ma proprio alla semplice parola del vangelo per quello che comprendente, senza nemmeno interpretazioni di nessun dottore della chiesa, perché anche in questo caso, potrebbe esserci stata nel passato una volontà diversa da quella di Dio, di dare un taglio alla parola di Dio diverso da quello che trasmette realmente la parola, tutto dipende da chi sta sopra(clero) chi ha commissionato la traduzione del testo e la sua interpretazione. Rispettate alla lettera più che potente i 10 comandamenti, non seguendo le fantasie di un pontefice, ma proprio rimanendo legati alla tradizione secolare della Chiesa. 
Questo è un mio consiglio, poi fate quello che volete. Ma ovviamente si sa, la gente spesso non vuole capire, anzi spesso gli da fastidio essere corretta, come se loro avessero sempre ragione e allora avrà gioco facile l’anticristo. 


E ricordate che la fede in Cristo deve essere non un'interpretazione ma una condizione assoluta, cioè cieca!

La fede se c'è è solo cieca!
Se per te Dio è tutto, tutto devi credere in Lui
Questa è la mia fede!

Non condividete finché non siete certi che sia vero!

giovedì 12 gennaio 2017

Gesù il Figlio dell’Uomo.





1Salito su una barca, passò all’altra riva e giunse nella sua città. 2Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati».

Cosa ci dice in questo passo, che non solo il miracolo di ottiene per una fede personale, ma anche della famiglia che prega per la persona, perché in effetti se pensiamo bene, se l’ammalato non può pregare, qualcun altro lo dovrà fare, per cui sono le persone ad esso più vicine che dovranno pensare a ciò, ma questo non significa che non possa essere un amico, un estraneo.

 3Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia».

Nella mentalità di costoro le parole di Gesù suonavano come bestemmie perché secondo il loro pensare solo Dio poteva osare tanto.

 4Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore?

Nel vostro cuore è chiaro il riferimento al centro del pensiero.

 5Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”?

Perché pone questa domanda? Per mostrare che le due cose non sono incompatibili l’una rispetto all’altra, ma che sono complementari, ovviamente avendo fede.

 6Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». 7Ed egli si alzò e andò a casa sua. 8Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

Gesù perdona i suoi peccati e guarisce contemporaneamente costui. Però nel suo parlare si noti che spesso usa la frase il Figlio dell’Uomo, Gesù si identifica come colui che è figlio dell’uomo non il figlio di un uomo che è molto diverso, cosa significa il figlio dell’uomo, ve lo spiego in questo link:




Yeshua comanda alle forze della natura!




23Salito sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. 24Ed ecco, avvenne nel mare un grande
sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva.
 25Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». 26Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?».

Come dice bene il passo, mentre Gesù dormiva, avvenne una tempesta molto forte, tanto che le onde era più alte della barca. Gli apostoli ovviamente temendo di affondare lo svegliano, chiedendo a lui di far qualcosa, ma Gesù dice: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Questa frase indica che gli apostoli non erano ancora del tutto convinti di ch fosse Gesù, perché se non fosse stato così, loro stessi avrebbero domato la tempesta, Gesù infatti in questa affermazione in sostanza attendeva che gli apostoli facessero proprio questo, anzi lo sperava. Sperava che qualcuno di loro, dimostrasse la sua fede senza disturbare il Maestro, ma così non è, dando facendogli capire che non erano ancora pronti.

Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia.27Tutti, pieni di stupore, dicevano: «Chi è mai costui, che perfino i venti e il mare gli obbediscono?».

Subito dopo Gesù mostra a loro come devono fare, per placare le forze della natura, egli infetti minacciò i venti e il mare e subito questi elementi si placarono, gli apostoli sono sempre più sconvolti, non comprendono ancore chi Egli E’, per aver tanto potere che tutte le forze del mondo gli obbediscono. Il termine minacciare indica una posizione di comando, ma fa capire anche che le forze in gioco nella natura non sono sempre benigne come pensiamo noi, infatti negli esorcismi coloro che vengono minacciati sono i demoni, non gli angeli, questo ci fa capire che le forze della natura spesso non sono di origine angelica. Ciò fa capire che coloro che governano queste elementi sulla terra spesso sono demoni.


Gesù, ci dice di non seguirlo per un pensiero maligno.






14Entrato nella casa di Pietro, Gesù vide la suocera di lui che era a letto con la febbre  15Le toccò la mano e la febbre la lasciò; poi ella si alzò e lo serviva. 16Venuta la sera, gli portarono molti indemoniati ed egli scacciò gli spiriti con la parola e guarì tutti i malati, 17perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: Egli ha preso le nostre infermità e si è caricato delle malattie.

18Vedendo la folla attorno a sé, Gesù ordinò di passare all’altra riva. 19Allora uno scriba si avvicinò e gli disse: «Maestro, ti seguirò dovunque tu vada». 20Gli rispose Gesù: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».

Chi si avvicina a Gesù non è uno qualsiasi ma uno scriba(teologo) e Gesù pare non trattarlo proprio benissimo infatti la sua risposta è sibillina intendendo altro. Consideriamo che Yeshua leggeva nelle menti, per cui conosceva benissimo se quanto coloro dicevano era verità o cosa falsa. La risposta infatti dimostra di questa sua capacità o potere, non usa a caso le parole, hanno sempre un senso, preciso.

 “ le volpi hanno le loro tane”,
 “ gli uccelli del cielo i loro nidi”
 “ma il figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”

Vi è anche un'altra parola di Gesù dove egli parla di volpi e colombe, che sono uccelli, per cui nel suo senso, assomiglia, la volpe è un animale furbo e scaltro, che si nasconde in una tana. Gli uccelli sono liberi e anche questi hanno nidi un posto sicuro per loro.
Nelle prime due affermazioni sta dicendo allo scriba, di non essere con lui furbo, come una volpe usando il candore delle colombe perché Dio vede tutto e conosce ogni aspetto dell’animo umano, in pratica gli sta dicendo che certi giochetti con lui non funzionano.
Poi però gli risponde ma io non so dove trovare riposo, fa questa affermazione per vedere come lo scriba gli avrebbe risposto, e forse questo non diede alcuna risposta, in pratica Cristo, gli sta chiedendo in forma velata di essere ospitato, se ha così tanto desiderio di seguirlo.
In pratica dice non siate con Dio astuti, usando un falso candore, ma ospitate chi ha bisogno, anche chi io vi mando, questo è il senso reale della questione.
Dice in sintesi non vi rifugiate nella mia casa, per i vostri intendimenti, quando non volete che io abiti in voi.


Lascia che i morti seppelliscano i loro morti!

 21E un altro dei suoi discepoli gli disse: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». 22Ma Gesù gli rispose: «Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti».
Questa frase appare agli occhi degli esseri umani, inumana, ma sarà vero?
Vediamo di comprendere cosa ci dice il testo, un uomo dice a Yeshua che vorrebbe andare a seppellire suo padre, prima di seguire Cristo, ma Yeshua cosa gli risponde?


“Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”

Cosa voleva intendere con questa affermazione così strana e soprattutto perché ci definisce morti?
Vediamo di capire esattamente questa curiosa e strana affermazione di Yeshua.

“Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”

Come si vede Yeshua ci considera come morti che seppelliscono i morti, tutto il mistero di questa frase sta nel fatto che il termine morti indica coloro che non hanno vita, ma in che senso vita e di quale vita parla esattamente, Yeshua parla della vita eterna, o meglio dire dell’essere viventi, si perché per Dio esiste solo una vita, un vivere, il suo, quello di essere vivente, cioè vivo in eterno, e cosa significa questa frase, perché dice, lascia che i morti seppelliscano i loro morti, perché i secondi sono i veri morti, persone defunte, mentre i primi morti, sono siamo tutti noi, che ci crediamo vivi, ma non lo siamo, e perché dice a quest’uomo lascia i morti? Perché in realtà coloro che decidono di seguire il Figlio di Dio, Yeshua , cambia la loro natura, quando un figlio dell’uomo, decidere realmente di seguire Cristo,ecco che la sua natura cambia, non è più un figlio dei morti diventa un figlio dei vivi, o meglio dire un figlio del vivente, perché l’unico ad essere realmente vivente e vivo è Dio, perché la sua natura è immortale, mentre noi siamo figli dei morti cioè la nostra natura muore e si perdere, mentre coloro che decidono di divenire di Cristo hanno la possibilità di divenire figli del Dio vivente, per cui non più morti. Ecco perché questa espressione così curiosa, perché tutti coloro che non riconoscono e non credono e non applicano la legge del Santo di Dio cioè Yeshua Adonay non prenderanno parte alla sua gloria e sono morti, in pratica sta dicendo che il mondo è abitato da zombi, da morti che camminano, che pensano e che si credono vivi, quando la loro vita può iniziare e morire e non è eterna, solo coloro che vivo in Cristo e muoiono in Cristo vivo e diventano viventi in Dio. Quindi per essere di Elohà il Padre Celeste l’Eterno bisogna riconoscersi figli di Cristo e desiderare di esserlo, consacrandosi a Cristo, in qualsiasi modo, sia mediante la chiesa dove Cristo è fondamento e Roccia, sia mediante il battesimo ma soprattutto facendo la volontà cioè portando la legge di Cristo tra gli uomini, si è di Yeshua nostro Signore. La frase indica anche abbandona il mondo e seguimi, ti farò come disse a Pietro pescatore d’uomini. Che poi nella Chiesa degli uomini, si nascondano lupi feroci, depravati, seguaci del maligno, purtroppo questa è una nota stonata derivata dal fatto che viviamo in un mondo di morti. Morire nel mondo dei morti e morire essendo di Cristo è molto diverso. I primi otterranno la morte eterna gli altri la vita eterna. 


La guarigione del lebbroso e le offerta dopo la grazia.




1Scese dal monte e molta folla lo seguì. 2Ed ecco, si avvicinò un lebbroso, si prostrò davanti a lui e disse: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi». 3Tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio: sii purificato!». E subito la sua lebbra fu guarita.

Qui non usa il termine malattia, ma usa la parola purificarmi o purificato, perché?
A quel tempo tutto quello che non apparteneva al corpo era indice di impurità, di qualcosa che poteva essere indotto solo dal peccato, nel passo si legge come Yeshua, guarisce semplicemente mediante il suo potere stendendo la mano lo toccò, la malattia del lebbroso,  che sappiamo essere di origine batterica. Se Yeshua che è il figlio di Dio, gli basta toccare un essere perché quella malattia si allontani da esso e non torni più, fa capire che in realtà le malattie non sono di origine naturale, come pensiamo noi, ma di ben altra origine, il potere di Dio, è volto ad allontanare da se e dagli esseri ad esso inferiori qualsiasi cosa non appartenga se stesso, cioè il male, come entità maligna.
La guarigione è derivata dal semplice allontanamento di quello che fa ammalare il corpo, cioè i demoni.

 4Poi Gesù gli disse: «Guardati bene dal dirlo a qualcuno; va’ invece a mostrarti al sacerdote e presenta l’offerta prescritta da Mosè come testimonianza per loro».
Qui Gesù, qui si raccomanda di non trovar vanto, di aver ricevuto la grazia, anche se sa che molto probabilmente quell'uomo riuscirà per poco tempo a tacere, è nella natura umana trasmettere la propria contentezza agli altri per renderli partecipi della propria gioia.. Yeshua  consiglia costui di non recarsi dal sacerdote, ma di andare direttamente a dar la sua offerta come era prescritto dalla legge Mosaica, perché, doveva andare al sacerdote?
Il motivo molto probabilmente stava nel fatto che quell'uomo era diventato puro, se si fosse recato dal sacerdote esso con le sue parole e con la sua azione poteva in qualche modo bloccare l’azione santificante e posto delle obbiezioni alle parole di Gesù, può essere anche che a causa della malignità di costui potesse in qualche modo nuocere all'azione santificante di cristo su quel lebbroso.
Questo fa capire che non sempre i sacerdoti sono puri sia nelle intenzioni che nella loro carne, e che dopo aver ricevuto una grazia si deve andar a ringraziare Dio alla maniera prescritta da Mosè come Gesù stesso raccomanda.