giovedì 7 luglio 2016

Chi sono gli eletti?



Chi sono gli eletti?

Fin ora ho sempre detto che erano tutti coloro che seguono la parola di Dio, del Suo Cristo, quindi includendo anche i profeti o veggenti, ma non ho voluto effettivamente affrontare questo argomento per alcune ragioni, lasciando un po confusa la questione.

Ora è arrivato il momento di specificare chiaramente a chi si riferiva Cristo con il termine eletti!

Riportiamo il Brano qui sopra raffigurato.

"Allora se qualcuno vi dirà: Ecco, il Cristo è qui o: E' là, non ci credete. Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. (24,4-24)"


Vediamo di analizzare con precisione la frase che appare molto semplice.

La prima frase non ha tempo, è riferita a qualsiasi tempo, ma ha una spiegazione in se stessa, la quale seleziona con precisione alcuni soggetti, dice che ci saranno alcuni soggetti nel corso della storia, che porteranno in giro Cristo e ovviamente la sua Santa Madre, come se fossero delle marionette, indicando che le apparizione accadranno in tal posto, o in altro, come dice "E' qui è là"  cioè da tutte le parti, come costoro vogliono e preferiscono. La prima frase sta ad indicare una confusione, nella quale il popolo verrà preso e portato ovunque costoro, vorranno, intrappolando il popolo in allucinazioni collettive, infatti dice "non ci credete" . E specifica il perchè non si deve credere a quelli che dicono io il Cristo lo vedo, qui, lo vedo lì, e lo vedo ovunque io vada, quando io voglio; come giustamente ha fatto osservare Francesco I°, a orologeria. Le apparizioni di Fatima e Lourdes, La salette sono avvenute tutte in una sola località, sempre in quella località, e ad una data ben precisa, ad un orario ben preciso, non di qua, ne di là, non su e non giù, non in Italia, e non in america, o in qualsiasi posto si rechi il veggente o profeta, ma sempre nel posto dove  appaiono la prima volta. 
In questo Cristo ci fa capire un altro piccolo tassello come comprendere a chi credere, non a chi vi dice, qua, la su, giù, etc, ma solo e sempre nello stesso posto e alla stessa ora, nello stesso giorno, e non in tutti i giorni e ad orari caotici, quando fa piacere al veggente. 

Quindi la prima frase indica proprio questo il metro di valutazione per capire chi è veggente, e chi non lo è. Può capitare occasionalmente che Cristo o sua Madre appaia, eccezionalmente per ragioni dovute ad un problema del veggente in altri luoghi, ma sono eventi rarissimi, non la quotidianità.

La seconda parte specifica il primo passaggio e dice chi sono questi soggetti che vedono Cristo e Sua Madre in ogni dove, quando ad essi gli comoda e dove ad essi gli aggrada. 
"Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti " ecco questi sono i soggetti a cui cristo  si riferisce, cioè coloro che spostandosi in giro per il mondo vedranno sempre la Madre di Dio e Cristo stesso, e Gesù li identifica come falsi profeti, cioè falsi  veggenti, e falsi Cristi, questi sono invece soggetti che tenteranno di sostituirsi a Cristo stesso di emularlo, annunciandosi come Cristo in terra ed oggi giorno ce ne sono diversi in giro per il mondo, che occupano diverse posizioni sociali, dal povero, fino alle vette più alte. 

"e faranno grandi portenti e miracoli," dice poi che costoro arriveranno a fare grandi portenti e miracoli , di cosa sta parlando e come potrebbero fare portenti e miracoli? 
Cosa sono questi portenti a cosa si riferisce?

Un portento è un qualcosa che ha a che fare con i fenomeni di tipo soprannaturale, ma sopratutto che riguardano il cielo, "segni celesti"  cioè apparizioni di figure nelle nuvole, nuvole di forme di angeli, etc, oppure luminescenze strane che ricordano figure umane, etc. che spesso vengono identificato come presagio e come segno dei tempi, ma anche eventi di natura inconsueta, tipo levitazioni, eventi tipo poltergeist, ma potrebbero pure essere fenomeni indotti da tecnologie attualmente in uso, tipo dall'esercito, con uso di suoni particolari per indurre stati di allucinazione, oppure eventi nell'aria di natura tecnologica, che affascinano, tipo effetti 3D o altro, tutti fenomeni che si potrebbero confondere con cose soprannaturali; ma abbiamo anche fenomeni di tipo demoniaco legati a queste tipologie, essi infatti possono dissimulare più facilmente i fenomeni di natura divina, visto che possono in qualche modo assomigliare. 
Gesù però fa distinzione tra portento e miracolo, li inserisce nella frase entrambi, per indicare che il portento è un evento che avviene a livello della natura terrena, dell'aria, delle nuvole, dell'acqua e delle cose terrene, e degli oggetti che appartengono a questa umanità; mentre il miracolo è espressione diretta all'essere umano, cioè la guarigione da una malattia o da uno spirito, quindi Gesù fa distinzione tra il portento e il miracolo. Specifica che costoro faranno grandi portenti e grandi miracoli, ma nel specificare questo la sua nota è negativa, non positiva, perchè poi afferma "così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti" quindi questi grandi portenti e miracoli indurranno in errore anche gli eletti! 
Ma allora chi sono questi eletti? Se i veggenti e profeti, non lo sono? 

E cosa intende per eletto?

Vediamo di capire bene!
La parola eletto, ha la sua origine da eleggere cioè elevare, porre in alto, portare alla santità, cioè venir nominato, nel senso di venir proclamato apostolo, quindi per Cristo gli eletti, sono solo coloro che in Suo Nome e per Sua volontà sono stati eletti Apostoli, ma tale elezione deve essere stata ufficializzata, innanzi e mediante lo stesso popolo di Cristo, cioè il clero e/o mediante elezione da parte della chiesa, oppure mediante volontà diretta di Cristo stesso. 

Precisazione: Questo soggetto è qualcuno a Lui servitore, tipo un appartenente al clero che abbia le stigmate(sacerdote, frate, suora) e che Cristo usi come suo tramite per eleggere un apostolo a Nome di Cristo stesso, questa elezione deve essere fatta innanzi anche a una piccola parte del clero e a un piccola parte del popolo, perchè questo abbia valore, cioè venga proclamata ed ufficializzata, questo è il sistema che Dio usa per rendere un soggetto ufficialmente Suo emissario, cioè apostolo, Cristo usa nominare i suoi apostoli ufficiali, facendo in modo che qualcuno a Suo Nome e sotto la Sua giuda, li dichiari in un assemblea formata da popolo(maschile e femminile) e clero(maschile e femminile), anche se questi non fossero d'accordo, non ha importanza, quel che importa è la Volontà di Cristo che diviene rito in se stesso, che ufficializza la nomina, una volta che è avvenuta la nomina in forma dichiarativa vocale ad alta voce, perchè importante che sia vocalizzata cioè risa verbo, dove tutti abbiano sentito, che l'elezione ad apostolo è valida, nessuno potrà toglierla, neppure un pontefice o qualsiasi vescovo, perchè fatta per autorità diretta di Dio. 

Un altra cosa, quando Cristo nomina un Apostolo nella modalità qui descritta, la consacrazione avviene direttamente nella nomina stessa, per cui questo soggetto potrebbe senza nessun problema entrare nel clero stesso, visto che Cristo lo riconosce suo sacerdote, qui bisogna vedere se la chiesa accetta questa nomina di Cristo, quasi sempre accade l'esatto contrario, perchè la chiesa si sente in un certo senso usurpata di quel potere a lei affidato, e ritiene che nomine che non rispettano i suoi canoni, sono da essa rifiutate, ma la Chiesa degli uomini risponde a Cristo, non a se stessa.

Nel nuovo testamento si intende per eletto anche i battezzati, ma in questa frase fa capire che non è esattamente così, il battezzato non è un eletto, non viene eletto ad apostolo, diviene figlio e salvato dal Signore, si, ma non assume la carica di sacerdote(consacrato) ne apostolo.

Quindi Cristo intende dire gli eletti sono i Sacerdoti, i Vescovi, i Cardinali, il Pontefice e gli Apostoli eletti pubblicamente da Cristo stesso.  Questo significa che un eletto da Cristo, ha un valore maggiore che un eletto, eletto da apostoli. E' come dire l'apostolo degli apostoli o primo apostolo. 

Ecco cosa Cristo intendeva dire con il termine eletto, non intendeva affatto dire i profeti o i veggenti, ma solo il clero o chi viene eletto da Egli stesso in Suo Nome e per Suo conto, che assume lo stesso valore degli Apostoli scelti a suo tempo da Cristo stesso, quindi ha lo stesso potere di un pontefice e/o di un vescovo, forse anche di più. 

Quindi indurre in errore il clero o gli eventuali apostoli eletti da Cristo, i così detti apostoli degli ultimi tempi. 

Si comprende che gli eletti e i profeti o i cristi falsi sono soggetti diversi, proprio perchè li distingue, li pone separatamente ad indicare due generi di soggetti diversi tra loro.

In questa piccola frase Cristo cela un piccolo e significativo monito a non fidarsi dei profeti degli ultimi tempi, perchè potrebbero essere falsi, anzi nella frase Cristo li vedo quasi più falsi che veri i veri veri, ce ne sono pochissimi, forse si contano sulle dita di una mano, anche se questi facessero portenti e miracoli grandiosi, perchè essi, porteranno fuori strada gli eletti (clero e apostoli). 

Ovviamente Cristo specifica con il termine falsi, per indicare che i veri profeti sono pochi e solo un eletto li può distinguerli, o forse meglio un apostolo nominato da Cristo stesso. 
Quindi gli eletti possono scoprire dove si cela l'inganno, ma essi stessi possono cadere in trappola dei falsi cristi e falsi profeti. 

Per cadere in trappola bisogna lasciarsi prendere, mentre l'intransigente e colui/lei che ha zelo santo non cadrà mai.