sabato 28 marzo 2015

Il peccato che manda l’uomo all’inferno

LA CERTEZZA DELLA FEDE!

STA NEL CREDERE SENZA VEDERE



C.E.I.:
Marco 3,20-29
20 Entrò in una casa e si radunò di nuovo attorno a lui molta folla, al punto che non potevano neppure prendere cibo. 21 Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; poiché dicevano: «È fuori di sé».

22 Ma gli scribi, che erano discesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del principe dei demòni». 23 Ma egli, chiamatili, diceva loro in parabole: «Come può satana scacciare satana? 24 Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non può reggersi; 25 se una casa è divisa in se stessa, quella casa non può reggersi. 26 Alla stessa maniera, se satana si ribella contro se stesso ed è diviso, non può resistere, ma sta per finire. 27 Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire le sue cose se prima non avrà legato l'uomo forte; allora ne saccheggerà la casa. 28 In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; 29 ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna, perché dicevano che è posseduto da uno spirito immondo».
…………………………………………..
Il pezzo qui sopra del Vangelo ci insegna delle verità che l’uomo preferisce non vedere ne sentire … ne tantomeno applicare..

Per uomo non intendo solo il laico ma anche il religiose, molto spesso ahimè, i religiosi pensano di essere fuori da questo ragionamento…

I sacerdoti parlavano di Gesù: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del principe dei demòni».

E Gesù rispondeva loro:” «Come può satana scacciare satana? “

“”In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno;  ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna».””

Le parole di Gesù sono chiare parlano di due argomenti consequenziali, anche nel secondo dello Spirito Santo fa capire altro …

I sacerdoti secondo la parola di Gesù avevano commesso peccato contro lo Spirito Santo dicendo che Gesù era un pazzo, perché indemoniato …. Ma stoltamente e cercando di far leva sul popolo, per far credere loro che essi avevano ragione, dissero che satana può a detta loro guarire e fare miracoli, e Gesù invece gli risponde, con estrema logica …

«Come può satana scacciare satana? “

Giustissimo, satana il detentore del male, non può porsi contro se stesso il maligno può non far credere di guarire una persona , perché satana detiene la morte, e non è la vita e non da vita, neppure in una finzione ….

Gesù dice di più in questa espressione, «Come può satana scacciare satana? “

Sta dicendoci che il maligno non ha il potere di operare un bene anche falso … satana può solo fare del male, e non farebbe mai del bene a nessuno..può dissimulare una sua manifestazione in forma diversa, celarsi per ingannare, ma non può far un miracolo per aiutare e guarire nessuno …. Questo Gesù sta dicendo … satana non può agire contro se stesso, satana non può far del bene.

Poi però Gesù dice una cosa più grande verità come importanza per noi cristiani tutti, preti e laici …

“”In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno;  ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna, perché dicevano è posseduto da uno spirito immondo».””

Tutti i peccati e le bestemmie ci saranno perdonati , ovviamente se chiederemo perdono, perché il perdono è la condizione necessaria per ricevere il perdono di Dio.

Ma sottolinea un fatto assolutamente importante …. Più importante di qualsiasi peccato e qualsiasi bestemmia … “””ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna».”” dando dell'indemoniato a chi non lo è o a chi è pieno di Spirito Santo!

Torniamo alla prima parte:
I sacerdoti parlavano di Gesù: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del principe dei demòni».

Qui i sacerdoti avevano bestemmiato contro lo Spirito Santo dato che in Gesù è presente lo Spirito Santo per cui, la loro condanna Gesù gliela anticipò.  Ma Gesù con questo monito fa capire che anche altri soggetti possono cadere nel peccato contro lo Spirito Santo, cerchiamo di vedere cos’è questo peccato …

 La chiesa ci dice che il peccato contro lo Spirito Santo non è altro che dar responsabilità a Dio delle cose che accadono, e lo stesso al demonio, non sapendo noi se una o l’altra è opera di Dio o no.

 Dare colpa a Dio delle cose che noi crediamo sia lui il responsabile …. ma sarà questo il peccato che Gesù intendeva veramente? 

“”Perché dicevano che era posseduto da uno spirito immondo!! “”  la risposta di Gesù sta in questa frase … riferita allo Spirito Santo …  quindi chiunque fa un riferimento diretto o indiretto in senso malevolo verso colui che ha in se lo Spirito Santo, si condanna da solo per l’eternità ed allora ogni suo tentativo di salvarsi sarebbe vano.

Ma sarà riferito veramente a ciò che la chiesa dice?

Pare da come Gesù si è espresso che non intenda dire quello che la chiesa ci ha proposto, credere,  invece indicherebbe dare del pazzo e dell’indemoniato a chi ha in se lo Spirito Santo, praticamente Gesù dice, che l’uomo che fa questo è come se lo facesse verso lo Spirito Santo stesso …

Quindi l’uomo si deve ben guardare dall’insultare e dare del pazzo e dell’indemoniato a  chi ha in se lo Spirito Santo, come fu per il caso stesso di Gesù …

Certamente dar la colpa a Dio delle cose che l’uomo o che il demonio fa è un grave peccato, ma è diverso dal peccato vero e proprio contro lo Spirito Santo … visto che nessun uomo sa dove lo Spirito Santo alberga, neppure un prete.. Gesù fa capire che lo S. Santo può albergare anche non solo nel sacerdote ma in chiunque, e quindi dire che un qualsiasi essere umano che può essere preso dallo Spirito Santo è un indemoniato e/o un pazzo, è fare il peccato conto lo Spirito S. Questo è il vero peccato che non verrà mai perdonato … Quindi dico ai preti che oggi giorni hanno tanto la lingua facile nel condannare, che stiano attenti anche loro a dar dell’indemoniato a persone laiche che potrebbero aver in se lo Spirito Santo dato che loro non possono saperlo!!! Così anche qualsiasi persona non deve farlo verso altri, che siano laici o che siano sacerdoti !!!

Non cambia nulla!!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Il fatto di aver determinato che questo è il peccato che manda l'uomo all'inferno cioè dare dell'indemoniato ad un profeta, apostolo, ecc che ha in se lo Spirito Santo, è molto più pericoloso di quanto si pensi; se facciamo un attimo di valutazione a ritroso, forse potremo capire quanti sono stati coloro che sono finiti all'inferno, non solo tra i laici, ma anche tra i religiosi, quando in certe profezie si legge che all'inferno sono stati visti molti sacerdoti, forse si potrebbe capire per quale ragioni ci sono arrivati, perchè spesso la chiesa non credendo a coloro che Dio invia quali suoi emissari, per la sua correzione li trattava e li accusava di essere degli indemoniati per cui si autocondannavano senza speranza... 

“””ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna perché dicevano è posseduto da uno spirito immondo».””

Lo dice Gesù che, chi da dell'indemoniato ad un individuo che ha in se lo Spirito Santo fa peccato mortale non perdonabile ... 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Questo testo ci fa capire un altra cosa, che chiunque si oppone alla parola scritta nella sacra scrittura cioè A.T e N.T fa peccato contro Dio cioè contro il Suo Santo Spirito, ora al giorno d'oggi ci sono molti che attestano cose contrarie a quanto detto e descritto nel testo sacro, per esempio don Bortoluzzi anche se prete, asserisce cose contrarie a quanto descritto nel testo sacro, facendo in sostanza esattamente questo peccato, dire che Adamo che significa nato dalla terra o plasmato dalla terra e farlo passare per satana è fare lo stesso identico peccato che fecero  i sacerdoti al tempo di Gesù, quindi fece peccato contro lo Spirito Santo basta questo per dire che l'opera che tutti acclamano come autentica è falsa e e fallace. 

Ma anche coloro che pongono dubbi e perplessità sul fatto che Cristo forse non sarebbe risorto, commettono lo stesso peccato. Infatti, dire: "Se Cristo non è risorto vana è la nostra fede", questa frase implica che secondo chi l'ha scritta e detta era necessario essere certi che Cristo fosse risorto, ma siccome nessuno lo vide tecnicamente risorgere, sarebbe secondo quanto colui che ha scritto quella frase, valido il suo ragionamento, che attesta che nessuno dovrebbe credere che Cristo è risorto; dato che nessuno lo ha visto risorgere e questa frase, va in netta contrapposizione alla frase insegnata da Cristo stesso,  che il regno di cieli è di chi crede senza vedere, per questo Cristo non volle che nessuno lo vide risorgere, perchè il credo in Lui è un atto di pura fede, e non perchè abbiamo visto che è risorto, dobbiamo credere, quindi avrà maggiori meriti colui che non avendo visto crederà in Cristo che è vero Dio, la vera fede sta nel non vedere. Chiunque si pavoneggia con questa frase, stia attento perchè potrebbe portalo all'inferno.