martedì 14 ottobre 2014

Insegnamenti di Gesù!

La Pasqua.

Marco: 14, 3-9
Questo passo del vangelo è interessante, intanto denota come Gesù sta assieme ai malati gravi, agli emarginati, ai derelitti della società, a chi sta in basso e a chi è lontano da Lui. Però per quanto egli ci dice di amare i più deboli e i poveri in generale, specie quelli in spirito, che non sono sempre poveri di cose materiali. Ma Gesù fa notare che anche se i poveri sono importanti, nel contesto dell’evento della sua presenza tra noi, era più importante Lui di tutti i poveri messi assieme, perché essi rimangono qui fino alla fine dei loro giorni, mentre il Signore, aveva un tempo ridotto. Il fatto dell’unzione è però particolare nel suo genere, perché sta ad indicare come Gesù che è  Dio, vanno dati tutti gli onori possibili, profumi, vesti, ori, per rendergli il culto dovuto, Gesù non è affatto pauperista, anche se ci sono poveri che hanno bisogno,  ma in questo Egli vuol dire che essendo egli Figlio dell’Onnipotente, ogni buona azione verso di lui, fatta con  cuore sincero, corrisponde ad un azione verso il Padre Suo è ben accetta anche con le cose preziose di questo mondo. Anche se questa cosa, potrebbe rendere felice un povero.  Anzi i poveri, dal canto loro dovrebbero sacrificare per Dio il loro meglio. Molto di più dovrebbero fare i ricchi, che oltre a dare ai poveri dovrebbero dare le loro primizie a Dio come segno di amore verso di Lui.


Marco: 14, 17-21.
Il tradimento.

Gesù disse: ”In verità vi dico : uno di voi mi tradirà! Uno che mangia con me” gli apostoli si rattristarono cercando di capire chi era tra di loro, Gesù aggiunse:” Uno dei 12 che intinge con me nel piatto. Perché il figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui : ma guai a quell’uomo, dal quale  il figlio dell’uomo viene tradito! Sarebbe stato meglio per lui, se non fosse mai nato.”
Di questo pezzo la parte importante è la frase :” Uno dei 12 che intinge con me nel piatto.” Perché dico importante, cosa ci fa capire questa frase, che all’apparenza potrebbe solo essere intesa come indicazione di chi può essere colui che lo tradisce, ma la frase così scritta indica anche altro, oltre il traditore.
Cosa vuole farci capire come questa espressione:  Uno dei 12 che intinge con me nel piatto. Intingere è il verbo che a noi interessa, esso sta ad indicare non solo colui che mangia con Gesù, ma anche colui che vive con e per Gesù, colui sta vicino a Gesù nella sua casa, e colui che credendo arriverà a tradire, è un parallelismo con satana, anche egli mangiava e viveva presso Dio, ed era Dio la sua fonte e il suo nutrimento, satana credeva veramente in Dio, così come credeva veramente Giuda, ma come satana anche Giuda vuole sfidare Dio, sfidarlo nella sua Onnipotenza, far emergere innanzi agli uomini il suo vero potere, perché dimostrasse chi egli era con forza, con autorità;  vuole indurre Dio ad agire concretamente ad esporsi. Ma cosa intende Gesù per noi con quella frase, indica che oltre a Giuda che mangiò in quel piatto, anche altri faranno la medesima cosa, Gesù va oltre il semplice pensiero di dire uno di voi mi tradirà, indica che nel futuro ci saranno i traditori, tra gli apostoli, uno tradirà ancora Gesù, divenendo un oppositore a Dio. Ma in effetti se guardiamo bene quanti oppositori la chiesa ha avuto in se e quanti furono i traditori che mangiarono e mangiano nello stesso piatto di Dio?  E noi come Cristiani potremo dire che anche noi ogni tanto tradiamo Dio, nelle nostre vite. Anche noi che mangiando il suo corpo il suo sangue, possiamo diventare traditori in un momento, come fu Satana e come fu Giuda, come lo sarà l’anticristo.
Continua la spiegazione degli eventi in Marco:14,43-52 . Gesù viene arrestato non dai romani, ma dai sacerdoti ebrei, del sinedrio.  Cosa voleva ottenere Giuda in realtà? “Quello che bacerò, è lui ….”   Ne viene fuori una rissa dove uno degli apostoli afferrò una spada e feri all’orecchio uno degli aggressori, ma Gesù gli risanò l’orecchio. Gesù per far notare la malvagità della scelta dell’ora, del suo arresto, sottolinea che potevano arrestarlo anche in altra occasione, alla luce del sole. Ma Egli disse “che le scritture si dovevano adempiere”.
Ma Giuda cosa voleva ottenere realmente? Semplice come già scritto Giuda, credeva veramente nel potere di Gesù, e aveva capito in qualche modo la sua natura, ma egli voleva una dimostrazione di forza innanzi al sinedrio di Gesù stesso, voleva che fosse manifesto il suo potere affinché egli si proclamasse veramente figlio di Dio, ma mediante il suo potere, non solo con le parole, cosa che Gesù non vuole fare. Perché la sua missione è diversa, da quella voluta da Giuda.  Quindi lo tradisce nella speranza di ottenere che Gesù manifesti la sua Gloria presso i sommi sacerdoti affinché essi lo adorino come il liberatore che Israele stava aspettando. Ma le intenzioni di Gesù sono ben altre. Nessuno aveva realmente capito, il vero motivo della sua venuta.


Marco: 14, 22- 25
Gesù istituisce l’eucarestia.

Gesù, preso il pane amministra ed  esercita la benedizione, lo spezzò e lo diede loro e disse: “Prendete, questo è il mio corpo” poi prese il calice rese grazie lo dette loro e ne bevvero tutti.  E disse: “ Questo è il mio sangue dell’alleanza che è versato per una moltitudine. In verità vi dico che non berrò più del frutto della vite, fino a quel giorno in cui lo berrò nuovo nel regno di Dio.”
L’azione dello spezzare il pane ha un senso ben preciso non solo nella tradizione ebraica, come ricordo del pane azimo, ma ha un senso doppio. Il dividere il pane in due parti ha una connotazione ben precisa dal punto di vista spirituale, Gesù fa capire una cosa importante. Ricordiamo che la Trinità è formata principalmente da tre soggetti, ma essenzialmente da due il Padre e il Figlio. Il Padre è formato dalla sua persona principalmente en dai suoi sette spiriti santi che gli appartengono e che con il padre costituiscono un essere unico. Il Figlio è formato dalla carnalità della Madre, dal Padre e dai 7 spiriti del Padre. La Trinità è racchiusa in Cristo Gesù. Ecco perché Gesù spezza il pane, per indicare i due soggetti principali della Trinità il Padre nella sua Totalità e il Figlio come unicità della Trinità. L’azione spirituale esercitata in quel pane e in quel vino, trasforma il pane e il vino nella essenza pura della trinità espressa come Padre e Figlio nell’Onnipotenza di Dio. Quindi assumere il pane come corpo e il vino come sangue è divenire carnalmente e spiritualmente un tutt’uno con essa. Chi mangia il corpo  il sangue della Trinità diviene figlio di Dio e parte di esso.
Anche l’azione di grazia che fa sul calice del vino, ha la medesima funzione benedizione che esercita sul pane-corpo.
Quando poi parla del suo sangue, specifica che esso non è solo per pochi, ma per una moltitudine cioè esso deve essere dato a tutti i credenti in Lui, non solo destinato agli apostoli.  Gesù vuole stringere alleanza con tutti coloro che credono e che lo amano. 
Per tale ragione la chiesa farebbe bene impastare l’amido delle ostie, con il vino, in modo che si somministri pane e vino cioè corpo e sangue insieme, anche se le ostie dovessero sembrare rosate o violacee, allora sarà fatta veramente la volontà di Gesù. “ Questo è il mio sangue dell’alleanza che è versato per una moltitudine.”
Poi parla di se stesso e dice che quello sarebbe stato per Lui l’ultimo vino che avrebbe bevuto assieme a i suoi apostoli, ma specifiche ne berrà di nuovo, quando sarà presso il Padre Suo nei cieli.


Marco : 14, 26-31.
Anche Pietro rinnega Gesù.

Anche Pietro ha il suo tradimento, ma in forma diversa da Giuda, meno grave, pur sempre un tradimento è.
Gesù disse: tutti voi vi scandalizzate , perché sta scritto: Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse. Ma, dopo che sarò risorto, vi precederò in Galilea.”  Allora Pietro disse: “ Anche se tutti si scandalizzeranno, ma io no!” E Gesù gli dice: “ in verità ti dico che oggi, questa notte stessa, prima che il gallo canti due volte, tu mi rinnegherai tre volte”.  Ma egli continua ad affermare : “anche se dovessi morire con te, non ti rinnegherò” E lo stesso dicevano tutti gli altri.
“tutti voi vi scandalizzate , perché sta scritto: Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse”  perché Gesù esprime questo concetto in questo frangente? Perché sta mettendo alla prova i suoi apostoli, li sta percuotendo e loro non capiscono e non intendono le sue parole. Ma, perché Gesù percuote gli apostoli, se loro devono essere coloro che devono portare la buona novella al mondo intero? Semplice Gesù non vuole solo degli apostoli, vuole degli apostoli santi! Per cui affermare quella frase, “Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse”, metterà alla prova sia il pastore cioè il sacerdote che le pecore cioè il popolo. Le proverà con ogni sorta di prova, per verificarne la capacità di comprensione che la fedeltà di essi a Lui. Quindi la chiesa sarà percossa e il gregge disperso per il mondo, affinché sia i pastori che il gregge siano vagliati e solo chi ha superato le prove sarà scelto.

Infatti gli apostoli non comprendono ciò che Egli comunica, e spavaldamente senza riflettere attentamente si espongono a dir qualcosa, pensando che sia riferito a un accusa verso di loro, e si danno da fare per cercare una possibile comprensione, ma nel far ciò dico un pensiero in più, di cui loro stessi non sanno, ne conoscono il futuro.   Pietro per primo fa sfoggio della sua fede, con una punta di eccessiva sicurezza, ed infatti Gesù lo stronca subito… predicendo cosa egli avrebbe fatto e detto nelle ore successive.  Il fatto del tradimento o  rinnegamento, fa capire come anche un apostolo che sta al primo posto potrà rinnegare Cristo.  Infatti Gesù quando dice a Pietro che su di lui costruirà la sua chiesa, questa frase è molto significativa sta ad indicare che Pietro, avrebbe edificato una chiesa simile a se stesso, non simile a Gesù.  Se Pietro era la pietra, ma non una pietra perfetta una pietra imperfetta, perché su Pietro la chiesa ha preso forma e su i suoi errori, difetti caratteriali e di fede è stata edificata, ecco cosa Gesù intendeva con la frase su Pietro costruirò la mia chiesa. La chiesa è di Cristo, ma edificata sulla forma mentis di Pietro, su i suoi pregi e su i suoi errori, sui suoi sbagli e sulle sue virtù, sul suo rinnegamento, tutto ciò che Pietro fu, così fu e sarà la chiesa. Come può la chiesa sussistere su una Pietra imperfetta? E chi è la Pietra angolare? Pietro o Cristo? Chi è il Pilastro della Chiesa, Pietro o Gesù il Cristo di Dio?
Quindi Gesù sottolinea ancora una volta che non solo Giuda lo tradirà vendendolo ai suoi persecutori, ma anche che ci sarà uno che lo rinnegherà sempre tra i suoi apostoli e costui è proprio colui che dovrebbe essere il primo tra di essi. Anche se Gesù in altri punti dei vangeli esprime il concetto che non esiste un primo tra gli apostoli, ma che innanzi a Lui sono tutti sullo stesso piano. Quindi ogni apostolo può e potrà rinnegare o tradire Dio in qualsiasi momento, come qualsiasi altro essere umano non appartenente alla chiesa in modo diretto, cioè il gregge.
Il passo vuol, far capire che non bisogna mai vantarsi di nulla, neppure delle certezze che si pensa di avere, perché se il Signore ti prova, ti troverà sempre imperfetto e tu cadrai miseramente anche se sei santo!
Mai giurare, perché l’inciampo è dietro l’angolo.
Mai dire io non sarò mai così o colà, perché Dio ti troverà in un momento fragile e debole e tu cadrai. 
Siamo tutti fragili e deboli, non esiste uomo, che sia perfetto sulla terra, che possa dire una sola cosa in più di quanto non sia scritto nei cieli.


Marco: 14, 32-42.
Vegliare per non entrare in tentazione.

Il passo dell’evangelo ci racconta la sofferenza umana di Gesù, si perché non dobbiamo dimenticarci che Gesù oltre ad essere spiritualmente figlio di Dio esso era ed è anche figlio di Maria con corpo carnale; è questo corpo, che in questo passo viene provato, non il suo Spirito che era forte, ed incrollabile, perché Spirito santo di Dio. Invece la chiesa ha creduto che la prova in cui Gesù fu portato colpi anche il suo spirito invece no! Era un prova per la parte umana di se stesso, una prova che doveva testare in qualche modo, se anche il corpo Suo era disposto a cedere alla volontà del Padre Suo. 
Leggiamo bene cosa dice Gesù, invita i 3 discepoli ad attenderlo mentre lui pregava in disparte, i discepoli raccontano i suoi stati, dicendo, cominciò ad essere in preda allo spavento e a sentire angoscia. Questi stati non sono tipici di Gesù il figlio di Dio, dell’uomo Santo, fatto di Spirito Santo, ma dell’uomo-uomo, dell’uomo umano figlio di Maria, del solo corpo e della sola mente umana, con tutte le sue fragilità. Come se lo Spirito di Dio lo avesse abbandonato per un istante, facendogli provare la vera conoscenza di cosa il corpo e la mente umani provavano senza l’ausilio dello Spirito Santo che impedisce qualsiasi sofferenza e incertezza.  Infatti dice ai discepoli: “ l’anima mia è triste fino alla morte” questa è un espressione tipica di chi prova in se un senso si smarrimento e sente la sua anima, farsi piccola e impotente di fronte alla malvagità del mondo. Anche il fatto di chiedere al Padre Suo che quell’ora cos’ triste e angosciosa passasse è indici che era il corpo umano o soffrire non lo Spirito Santo che gli apparteneva, come se lo S. Santo si fosse tacitato, avesse smesso la sua funzione. E diceva: Abba, Padre, Tutto è possibile a te; allontana da me questo calice! Però non quello che voglio io, ma quello che vuoi tu”  in queste parole il Gesù uomo, decide da che parte stare, cioè con Dio, si abbandona alla volontà di Dio, anche se sulle prime chiede al padre Suo di evitare questa cosa, ma poi dice non voglio io ma come vuoi tu. Quando poi parla ai discepoli dice un farse importante che non riguarda solo gli apostoli che sono carnali e non figli di Dio diretti come lo è Lui, dice a Pietro: “ Simone dormi? ... Vegliate e pregate, per non entrare in tentazione ; lo spirito è pronto ma la carne è debole”  ecco la frase che spiega il dunque è questa :” lo spirito è pronto ma la carne è debole” ce lo dice chiaramente che lo spirito è forte e incrollabile e che non teme nulla se crede in Dio, ma la carne è fragile e debole e può cadere in tentazione. Fa capire che in quei momenti era la sua carne ad avere la meglio, e che anch’egli era fragile, ma, di una fragilità diversa, da quella dei discepoli che si sono addormentanti. E quindi hanno lasciato spazio al maligno. Non certo Gesù ha lasciato spazio al maligno, era solo la sua carne, che combatteva, ed era angustiata per tanto male era sopra di lui. Li trova addormentati per tre volte, fa capire la differenza tra Lui e loro, che sono solo esseri umani incapaci ad opporsi alla forza del maligno, se non ci fosse Dio. Infatti in altro passo dice a Pietro “uomo di poca fede” come per dire, che se avesse la fede necessaria esso non commetterebbe peccato alcuno e sarebbe santo e capace di ogni miracolo, come Gesù avrebbe voluto. In ciò fa notare che i discepoli sono fragili e suscettibili agli attacchi del maligno.
n.b: La frase “non entrare in tentazione” fa capire come la frase non indurci in tentazione si errata e anche le due frasi sono una contraria all’altra, perché il dire non entrare in tentazione sta ad indicare di chiedere a Dio non permettere che il maligno ci tenti, cioè di non permettere che il maligno ci induca in tentazione. Mentre la frase non indurci in tentazione sta ad indicare che sarebbe Dio che induce l’uomo alla tentazione, cosa non possibile e non vera. Perché in netto disaccordo con la precedente frase. Oltre che estremamente offensiva verso Dio. Praticamente dire che Dio induce in tentazione l’uomo è come dire che è Dio che si sostituisce a Satana. Cosa falsa! E chi afferma ciò non è con Dio, ma contro Dio e vuol solo far annullare l’efficacia della preghiera da Gesù trasmessa ai suoi discepoli.


Marco:14,53-65 ; 15,1-32
La condanna e la morte di Gesù.

Conducono Gesù innanzi al sinedrio il quale in ogni mezzo tenta di fargli di discreditarlo portando falsi testimoni, ma Gesù non risponde fino a quando Caifa, gli chiede se è lui il figlio di Dio , e Gesù risponde: “Io lo sono, e vedrete il figlio dell’uomo assiso alla destra della potenza e venire con le nubi del cielo. “  Gesù dice chiaramente di essere il figlio di Dio Onnipotente, ma naturalmente nessuno sacerdote ebraico voleva credergli, perché in realtà non volevano che un figlio di Dio distruggesse le leggi che loro stessi si erano fatti su misura. In sostanza Caifa, voleva uccidere Dio. 
Poi naturalmente gli astuti sacerdoti dopo averlo condannato a morte, non si sentirono di portare a termine la loro invettiva e scaricarono ai romani l’incombenza, pilato interrogatolo, non ottenne nulla. Naturalmente secondo le tradizioni di quel tempo, durante le festività era usanza rilasciare un detenuto, quindi anche con Gesù si pratico la stessa cosa, ma i sacerdoti del tempio sobillarono la folla a più riprese tanto che Pilato chiese cosa aveva fatto di male, ma essi volevano il sangue di Gesù.  Quindi Pilato li accontentò, rilasciò barabba e fece flagellare Gesù.
La coronazione di spine, un atto ignobile, per qualsiasi essere umano, figuriamoci per il figlio di Dio, di una malvagità e di una crudeltà uniche, che solo un popolo irretito dall’invidia dei sacerdoti, poteva fare.
 Lo schernirono dicendo “salve re dei Giudei”, lo picchiavano in ogni modo, e gli posero una corona di spine, probabilmente di una specie di pianta spinosissima con spine particolarmente dure.
Per quanto Gesù fosse spiritualmente forte, ma la sua carne era stata piegata dai quei terribili colpi di flagello e dalla percosse, così preso un uomo forte, Simone di Cirene per portare per lui la croce, dopo che Gesù cadde per tre volte. Giunti al Golgota, si svolse all’ora terza, la crocifissione che ben tutti la conosciamo, rappresentata in ogni modo da film famosi. La spartizione delle vesti di Gesù fa capire che esse non erano affatto di un materiale povero, ma male intessute ma tutt’altro, di buona manifattura e preziose, tanto che i soldati vogliono spartirsele e se le giocano a dadi. Qui fa capire che l’abito sacerdotale non deve essere semplice eccessivamente povero, ma di buon materiale anche prezioso. Gesù ricevette oltraggi da tutti, sia dai due ladroni, che dalla folla accorsa.


Giovanni: 19,23-27

Presso la croce vi era la Madre di Gesù assieme al discepolo Giovanni e ad altre due donne, e Gesù disse a sua Madre e al discepolo più amato: “Donna, ecco tuo figlio.” e al discepolo” Ecco tua Madre”


Marco:15, 33-41

In questa parte si evince, che quello che parla è ancora il Gesù umano, perché grida: “Eloi, Eloi, lamà, sabachtani?” che significa Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?” ma la folla continuava a insultarlo… dopo di che Gesù gridando spirò.
Dio non lo aveva abbandonato, ma il suo corpo umano e la sua mente umana, aveva avuto un cedimento proprio all’ultimo momento, questo ci fa capire che fin all’ultimo momento Dio ci può provare, perché se ha provato il suo figlio Unigenito per purificarlo al fuoco ardente del suo amore, ma figuriamoci se non lo farà anche con ognuno di noi, fino all’ultimo saremo vagliati, provati e piegati, per ottenere da ognuno delle primizie di primissima qualità come diciamo noi.  In quel momento un tremendo terremoto squarcio il velo del tempio e da quello che le cronache raccontano anche una parte di Gerusalemme fu distrutta, i sepolcri furono aperti e i morti risorsero, con grande spavento di tutta la popolazione.

Marco 15,  42-47 ; 16, 1-19;
La Resurrezione:

Alla vigilia della Parasceve, cioè del sabato, Giuseppe di Arimatea chiese a Pilato il corpo di Gesù per seppellirlo, nel suo sepolcro in pietra. Ne rotolo innanzi una grande ruota di pietra, sotto gli occhi di alcune donne discepole di Gesù.
All’alba del primo giorno della settimana ebraica cioè la domenica, le discepole di Gesù Maria Maddalena e  Maria di Giacomo, si recarono al sepolcro per ungere il corpo come era usanza fare. Giunte presso il sepolcro si accorgono che la pietra è stata già spostata, entrate nel sepolcro vi era un giovane uomo, vestito con candide vesti. Che disse loro:  “ Non abbiate paura. Voi cercate Gesù il Nazareno, il crocifisso: è risorto, non è qui. Ecco il luogo, dove è stato posto. Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che vi precede in Galilea  ; lo vedrete là, come vi ha predetto.”   Non dice a che ora è avvenuta la resurrezione o esattamene in che giorno, ma è probabile che sia avvenuta di sabato, nel giorno del Signore.
La descrizione che ne fa Giovanni è un po’ diversa, quasi un po’ più dettagliata mentre quella di Marco sembra più sintetica e meno descrittiva.

Giovanni: 20, 1-31; 21,1-23

Dice Giovanni, appena la donne giunsero al sepolcro videro che era vuoto, allora corsero a chiamare i discepoli Pietro e Giovanni. I quali accorsi al sepolcro lo trovarono anch'essi vuoto, e riposti i teli della sepoltura, compresero le parole profetiche di Gesù.  Ma fu Maria Maddalena a rimase presso il sepolcro, fu in questo frangente che vide i due giovinetti (angeli) vestiti di bianco, essi rassicurano la Maddalena, ma si accorge che un altro giovane che era lì vicino, era Gesù, questo fa capire che Gesù aveva altre sembianze diverse da quelle terrene, e Gesù dice: “donna perché piangi?   Chi cerchi? “ ella rispose, ma non sapendo chi fosse: “Signore, se l’hai portato via tu, dimmi  dove lo hai posto e io lo prenderò”.  Ma Gesù rispose:  ”Maria!”  allora la Maddalena lo riconobbe: ”Rabbuni!” Maestro.

Gesù : “Non trattenermi perché non sono ancora salito al Padre . Ma va’ dai miei fratelli e dì loro: -salgo al Padre  mio e Padre vostro , Dio mio e Dio vostro”.
Quindi la prima a vedere Gesù risorto è la Maddalena, non gli apostoli.  E questo è un dato interessante. Inoltre l’aspetto di Gesù non è il suo aspetto terreno, ma quello trasfigurato, che aveva preso quando i tre discepoli lo videro, nella sua trasfigurazione sul monte.  Da ciò comprendiamo che le immagini a noi arrivate di Gesù sono del Gesù terreno, non del Gesù risorto! Gesù che ha lo stesso aspetto fisico del Padre Suo che è nei cieli. Poi alla sera della domenica appare in mezzo ai discepoli e li saluta dicendo : “Pace a voi!” mostra loro le mani i piedi e il fianco a testimonianza, del suo martirio. Affinché essi credettero con sicurezza che Egli era risorto. Aggiunge :” Pace a voi. Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi!”  e detto ciò alitò su di loro,  e aggiunse: “ Ricevete lo Spirito santo,  a chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi non li  riterrete, saranno ritenuti.”

Notare il verbo alitare usato principalmente da Dio Padre mentre alita la vita in Adamo , così fa lo stesso suo Figlio Gesù che ha lo stesso potere di donare la vita mendiate lo stesso Spirito del Padre, in ciò Gesù si rivela per chi è realmente, egli è al tempo stesso il figlio, ma al tempo stesso è il Padre, perché fin dalla Genesi solo il Padre Onnipotente alitò nell'uomo il suo spirito, per donare all'uomo l’anima, ora Gesù figlio di Dio, e Dio con Dio, fa la stessa cosa, ma in questo caso dona agli apostoli lo Spirito Santo. E da il suo ordine a tutti gli apostoli, di rimettere i peccati. Sono loro che decideranno se rimettere o non rimettere i peccati.

È interessante il discorso che si ripete a porte chiuse, Gesù si mostra ai suoi discepoli e anche con Tommaso avviene la stessa cosa, come se il chiudere le porte fosse un segno di nascondere agli occhi dell'uomo, la divinità di Dio, affinché solo chi crede vedrà.

Gesù risponde a Tommaso:” perché hai visto, hai creduto. Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto” in ciò Gesù ci fa capire, che molta più grazia è in chi non ha mai visto il Signore, e su costoro se crederanno in Dio senza aver necessità di vedere, otterranno maggiore grazia presso Dio.
Molti altri segni Gesù da risorto ha compiuto in mezzo al suo popolo, per quanto molti di essi non stati trascritti, ma solo i più significativi.  L’apparizione sul lago di Tiberiade, evidenzia come Gesù avesse un aspetto non riconoscibile, ma solo coloro che avevano lo Spirito Santo in loro lo potevano riconoscere.Questo racconto ci spiega come un essere umano che abbia anche ricevuto lo Spirito Santo, può in un istante non essere preso da esso, e questo fatto, ci fa ben capire proprio questo particolare; alcuni apostoli usciti in barca a pescare vedono sulla riva del lago un uomo, ma loro non lo riconoscono, perché in quel momento Egli (Gesù) non si presentò nella sua forma conosciuta dagli apostoli, pur avendo ricevuto tempo prima lo Spirito Santo proprio da Gesù, essi sono distratti e non usano quello Spirito donato da Gesù, per vedere Gesù stesso.  Gesù parla ai discepoli come un estraneo: “Figlioli, non avete un po’ di companatico?”, “No” gli risposero  i discepoli. Ma Egli disse loro, “Gettate la rete a destra della barca, e ne troverete”, i discepoli non erano in grado di trarre sulla barca, la rete per il gran peso. Allora Giovanni, il discepolo che Gesù amava dice a Pietro: “ E’ il Signore!”  a questo punto Simon Pietro, si cinse la veste e si tuffò in mare.

Curiosa la parte che Simon Pietro è sulla barca seminudo, come se fosse un vezzo, una libertà che avevano tra di loro. Ma curioso anche il fatto che innanzi al Signore esso si rimette in ordine, come se la sua vita fosse stata divisa in due parti, fintanto che vi era Gesù esso aveva un comportamento, quando Gesù non vi è più, il suo atteggiamento è più libero e si sente forte della sua posizione a far quel che vuole; ecco il perchè il Signore non si fa riconoscere, vuole vedere come i suoi discepoli vivono le sue parole, se veramente hanno intenso il suo messaggio. E il fatto che Pietro si rivesta, fa capire che esso aveva in parte trascurato il messaggio di Gesù. Si comprende, perchè Gesù poi insiste con quelle domande ripetitive.

Tutti vedono quest’uomo in riva al lago, ma nessuno di essi lo riconosce, se non quando egli mediante alcune poche parole e un miracolo gli dimostra chi Egli è!  E il primo a riconoscerlo è Giovanni.  Notiamo un  particolare, Gesù dice agli apostoli di gettare la rete e specifica a destra della barca, perché mai ha fatto questa specifica? Da un certo di punto di vista i pesci stanno ovunque attorno alla barca, che significato ha a destra della barca? Semplice, Gesù il Cristo di Dio, sta alla destra del Padre suo, rappresentato dalla barca. E dice ai discepoli pescate a destra della Barca, non a sinistra. Anche questo ha un senso ben preciso. Gesù predilige la destra e non la sinistra, anche in altri passi dei vangeli esprime questo concetto.

Ma Pietro si rattristo. E gli rispose:” Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo”

Gesù rispose:” pasci le mie pecorelle. In verità, in verità ti dico: Quando eri giovane ti cingevi  da te e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vuoi” .
Ora , disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. Poi disse" seguimi."
Pietro vide che lo seguiva il discepolo che Gesù amava(Giovanni), quello che durante la cena si era posato sul suo petto di lui e gli aveva chiesto: “ Signore, chi è chi ti tradisce?” .

Pietro dice a Gesù” Signore e di costui che sarà?”  Gesù rispose: “ Se voglio che rimanga finché io venga, che te ne importa?, tu seguimi!”.

Questo passaggio della vita di Gesù e dei suoi discepoli è molto significativo…
Prima di tutto la ripetizione per tre volte della domanda di Gesù: “Simone di Giovanni, mi ami tu?” ha una sapore un po’ strano questa insistenza da parte di Gesù, come quando Gesù predisse a Pietro il suo rinnegamento, che al cantar del gallo egli lo tradì per tre volte, pare in qualche modo, che Gesù voglia vedere se l’apostolo ha compreso la lezione, o se l’apostolo è ancora impulsivo, distratto e fa le cose senza riflettere attentamente. In effetti da come risponde Pietro pare che non abbia ancora capito esattamente le domande di Gesù. Perché anche durante la premonizione di Gesù che gli predice il suo rinnegamento, Pietro risponde impulsivamente senza riflettere, quasi volendo a tutti i costi far piacere al Signore. Dicendo che lui non avrebbe fatto ciò. Cosa che poi avvenne il contrario. Anche in questo caso per tre volte Gesù ripete insistentemente la medesima frase, quasi a sottolineare qualcosa, poi però l’attenzione si sposta su Giovanni, e Pietro infastidito dalla presenza di quel discepolo, quasi stizzito, con una punta di invidia, chiede cosa ne sarà di quel discepolo, e Gesù ribatte: “Se voglio, che rimanga finché io venga, che te ne importa?” ….. è il che te ne importa di Gesù, fa capire come in realtà Pietro ha posto la sua domanda verso Giovanni, con quale sentimento egli si era posto verso quel discepolo? non certo un sentimento d’amore, ma di conflitto. E fa capire, che tra i discepoli non c’è proprio tanto buon sangue, ci sono degli attriti, probabilmente delle dispute tra chi si riteneva il più vicino a Gesù o chi era il primo, ma tutti sapevano benissimo che il più vicino non era Pietro ma bensì Giovanni. L’insistenza di Gesù verso Pietro, non indica tanto che Pietro sia il suo vicario, quanto indica che Gesù voleva far capire a Pietro, che alle volte le sue risposte non erano sincere o coerenti, ed ogni volta Gesù risponde a Pietro “Pasci le mie pecorelle o agnelli e tu seguimi”, non gli dice che egli è il primo, gli dice, solo di essere un buon pastore e di seguirlo sempre, ma di non occuparsi degli altri discepoli, che ci avrebbe pensato Lui stesso. In questo, fa capire che gli altri apostoli non sono sottomessi all'autorità di Pietro, ma bensì di Gesù stesso. “Se voglio che rimanga finché io venga, che te ne importa?” questo fa capire che ogni, apostolo eletto da Gesù, sarà sotto l’autorità di Gesù e non di Pietro.

Poi anche quando gli dice, “In verità, in verità ti dico: Quando eri giovane ti cingevi  da te e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vuoi” .
Secondo me questo non parla della morte Pietro, ma bensì del fatto che da vecchio sarebbe stato condotto da altri nelle sue parole, e che la sua parola poteva essere modificata perché egli non più in grado di essere totalmente presente, infatti un anziano, viene condotto per mano ogni giorno da chi è giovane e le sue parole vengono vagliate. Questa frase ha un senso doppio, indica infatti che un apostolo deve rimanere tale fin alla fine dei suoi giorni, e che ci saranno altri ad occuparsi di lui, finché il Signore non lo prenda con sé. 
Questo fa capire, che non è prevista abdicazione.

Dopo tutto in Apocalisse Gesù è chiaro, vi sarà un nuovo vangelo eterno e con ciò si comprende bene che il vangelo lasciato da Gesù, verrà modificato e le parole stesse di Gesù verso Pietro sono molto significative.