martedì 14 ottobre 2014

Chi è degno del regno di Dio?

Chi è degno del regno di Dio?

C’è lo dice Gesù! (Marco 10, 14) “ lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché il regno di Dio è di quelli che sono come loro”, poi aggiunge: “ chi non accoglierà il regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso” 
  
Quindi Gesù ci fa capire che il regno di Dio è dei bambini e di coloro che sono come bambini, ma cosa significa essere come bambini?
Intanto vediamo di capire come sono i bambini? Quali caratteristiche hanno i bambini che noi adulti non abbiamo più!

Un bambino è:
candido,  innocente, spontaneo, semplice, gioioso, vivace,  allegro,  tenero, affettuoso, birichino, buffo, coccolone, tenero, amorevole, angelo, soave, delicato, ecc … ma soprattutto  non ha malizia, (a meno che non sia stato smaliziato dagli adulti, con sistemi vari)

il fatto di essere privo di malizia indica che il bambino è spontaneo nei suoi pensieri, non trattiene per se i suoi pensieri, li rende alla luce, la verità che conosce la libera dalla sua mente, la rende disponibile a tutti, smaschera ingenuamente le nostre piccole o grandi bugie di adulti, non ha segreti e non trattiene per se nulla.

Poi logicamente ogni bambino ha i suoi lati caratteriali negativi, ma questo è soggettivo per ogni carattere diverso, possiamo dire che sono questi lati negativi che disegnano un bambini e formano assieme a lati positivi il carattere del futuro uomo o donna.

Questo fa capire, che nessuno che non  sia come un bambino non entrerà nel regno dei cieli.
E questo fatto è drammaticamente vero!

Inoltre possiamo dire con sicurezza che Gesù ci dice che questo è il metro con cui egli valuta l’essere umano.

E quanti,  di noi adulti possono dire di essere così?

Pensateci bene ….